due mesi

scritto mercoledì 12 settembre 2007 alle 00:46

due mesi - copyright rk22.com
ed al terzo sarà lutto

E’ fatica scrivere

come un anonimato
come sogno lontano
come meccanica che non si avvera
(ruota all’incastro)

come anestesia

…o acqua per il cranio
…o per il cemento

come forzatura

che

dovresti

echenonpuoi
perché eri lontano
a n n i
l u c e
dal tuo mondo

a questo battere
(ed era solcare)
ad un ordigno
pretese poetiche

risponda la carta
il tuo foglio risponda

e sarà
sangue

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

annegato. sguardo.

Annegati i ritardi, altri ancora dovrai annegarne. Soffocali. Scrivi. Annega lo sguardo, piuttosto. Regard. Annegata la solitudine altra ancora trovarne per scrivere. E nessuno ti perdona. E da solo ti trovi il senso di questa ..................................... banca dati. ..................................... Memoria...

poiché sparirai

poiché sparirai in un pugno di cenere come sei già scomparso dietro l'inconsistenza, volatile, del teleschermo come sei già morto come non sei più vivo che nel riverbero, lontano, di un media...

alé hop – cambiamo pelle

Stanco della sua, artmobbing ha deciso di cambiare pelle a paris mushrooms. nella crisi della scrittura, una scusa, quella del disegno e del ghirigoro, per procastinare le parole ed allontanarsi dal foglio (se pure virtuale foglio). Qualcuno è tornato, spesso, forse sgomento per l'assenza...

Allah, Google, i pescivendoli [III]

Avresti sbarrato gli occhi, per dio. Anzi, avresti fatto tremare tutto il tuo silicio nonspirituale. Avresti visto schiene. Centinaia, migliaia, di schiene. Poissonniers, poilonceau, richehomme, myrha. Tutte occupate. Quelle che montano, come richehomme, sono impercorribili. La carreggiata è...

torino

Mia madre è a Torino. Ma in uno schermo diviso a metà. Parliamo dentro un monitor. Lì è già natale. Sentiamo i caroselli da lontano. Entro in una chiesa. E' il tempietto del Bramante. Le luci rubate a Caravaggio. Le sedie sono in cerchio attorno all'altare. Io ed i miei amici ci sediamo...

minima digitalia

E che succede al mio cerebro Leso Vedi? Alle spalle non ho che fatti Senza senso E mi sto giorno e notte in questa luce Che viene da lontano Nelle trame di una rete Orgia Vanitosa gravità Vanità di Vanità Jusqu'à en perdre le souffle Perché tutto ciò che faccio - I miei fatti Da...

only for the sky

Per questo, forse, cambian le stagioni Per scurirti il volto Indurire emozioni. Ed è subito inverno E più non scrivo La mia ginnastica per il midollo La mia ginnastica del cervello Non riposo Benché stanco E più non sogno Se non d'affiche molli alle sporche mura di casa mia Benché...

oceanofiume

Nel nero dell'acqua. Corale, ancora. Nuotare, ancora. All'infinito. All'esterno. Fino a che l'acqua non chiami altra acqua. Stavolta dolce. Quando sulle labbra ancora si articola un abbecedario salino. Acqua di fiume, insomma. Popolata di una foresta scura di alghe. Marrone secco. Marrone autunno. Ed...