ode alla pillola nella festa della mamma (o giù di lì)

scritto lunedì 10 maggio 2010 alle 13:27

Non c’è migliore occasione della festa della mamma per festeggiare una pillola che impedisce… di esser mamme.
A ricordare l’anniversario un interessante articolo di Nancy Gibbs comparso sul Time – ed uscito nel numero di Internazionale di questa settimana – che ripercorre la storia di quello che è diventato un simbolo della liberazione sessuale e dell’affrancamento della donna dalla “società dei padri”.

A 50 anni dalla sua approvazione da parte della FDA americana, la pillola contraccettiva resta uno dei contributi fondamentali della medicina al controllo delle nascite.
Ed è una storia piena di paradossi, la sua, a partire da un dettaglio sulla sua storia: fu scoperta infatti nell’ambito delle ricerche per la lotta alla sterilità femminile e con il contributo fondamentale d’un cattolico praticante, tale John Rock, la cui idea era quella di sfruttare il periodo di “superfertilità” successivo alla sterilità temporanea indotta dal trattamento al progesterone.
Da allora tanta strada per la pillola, fedele compagna della rivoluzione sessuale targata anni ‘60, ed ancora oggi protagonista di dibattiti, timori, pregiudizi e leggende.
Quello che possiamo dire con certezza oggi (ieri?), 9 maggio del 2010, è che dopo la pillola la consapevolezza nel diventar mamme è aumentata.
E che quindi le mamme di oggi sono in un certo senso mamme potenziate. Mamme per scelta, oltre che per diritto e vocazione. Mamme all’ennesima potenza…
E se in un certo senso il femminismo, e con esso l’affrancamento della donna nelle civiltà occidentali, è stato un fattore di accelerazione dei processi consumistici ed edonistici, la pillola libera per tutte è la possibilità reale e sacrosanta di una scelta etica a monte dell’aborto.
E chissà che cosa penseremo fra qualche decennio della tanto discussa pillola abortiva.

Comunque, per festeggiare la mamma, la donna (e la pillola), vediamo insieme un rapido montaggio da “Vogliamo anche le rose”, bel documentario di Alina Marazzi sulla condizione femminile in Italia, di cui qui abbiamo selezionato uno stralcio sulla “cucina postfemminista” ed uno sulla magica pastiglia dell’amore.
Niente a che vedere col Viagra, anche se oggi si fa sempre più un gran parlare del “pillolo”, ultimo lasciapassare (forse) per una più perfetta parità fra sessi.
Auguri mamme.
Auguri pillole.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

2 risposte a “ode alla pillola nella festa della mamma (o giù di lì)”

  1. Robiciattola scrive:

    L’articolo l’ho letto ieri sera prima di andare a dormire.
    Interessante e avvincente come un film, scoprire questa storia travagliata della nascita di questo minuscolo preparato scientifico.

    W Internazionale!

    r

  2. artMobbing scrive:

    soprattutto…
    grande Alina Marazzi…

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

stammi togethe® (nel caddy?)

Europa o carrello della spesa? Pensa un po'. Mi connetto. Mi connetto e casco sul sito per la salute in Europa. Tutela della salute. Cercavo qualche dato concreto sull'alcoolismo in Francia. (A proposito... C'è un legame fra alcolismo, libertà individuali ed Illuminismo?). E scopro che l'organo...

oceanofiume

Nel nero dell'acqua. Corale, ancora. Nuotare, ancora. All'infinito. All'esterno. Fino a che l'acqua non chiami altra acqua. Stavolta dolce. Quando sulle labbra ancora si articola un abbecedario salino. Acqua di fiume, insomma. Popolata di una foresta scura di alghe. Marrone secco. Marrone autunno. Ed...

I conti della serva aggiornati! Il treno, l’aereo, il tiggì nazionale

Neanche lavorassi in RAI ieri, domenica 13 dicembre, al TG2 della sera imbrocco un servizio sulle FS e le tariffe dei treni che somiglia ai miei conti della serva (ma mica leggerai Paris Mushrooms, vero tiggìddue?). Il geniale giornalista, dopo avere parlato del grande vantaggio dell'alta velocità...

Allah, Google, i pescivendoli [II]

Alle 13.30 però Parigi me la dimentico per davvero. Dimentico tutto, anzi. E mi pare di affondare in un sogno magnetico. Vedo tutto dietro una lente di plastica. La luce parassita entra in un istante e solca lo sguardo di taglio. Lunghe righe convesse tracciano la superficie umida delle mie iridi. Bagliori. Mi...

alé hop – cambiamo pelle

Stanco della sua, artmobbing ha deciso di cambiare pelle a paris mushrooms. nella crisi della scrittura, una scusa, quella del disegno e del ghirigoro, per procastinare le parole ed allontanarsi dal foglio (se pure virtuale foglio). Qualcuno è tornato, spesso, forse sgomento per l'assenza...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte VI]

Additare col dito di mezzo Questo dito si dimanda medio, perché è posto nel mezo degli altri, & anco medico, perché i Medici l’adoperano à distendere gli unguenti, e anco impudico, perché distendendolo, & raccogliendo l’indice, e l’anellare...

terremoto

saluto la mia donna in una mansarda. siamo distesi. Scatto una foto alla sua migliore amica. verso il basso. Giungo in una casa. é di un uomo. La presta a me perché conosco una sua amica. La sua amica arriva. Vivremo insieme. Una sera ho anche un ospite. Una donna. Arriva e non cena, anche se...

a un certo punto della vita dovresti impegnarti seriamente e smettere di fare il ridicolo

Incantevoli gli spazi del Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino. L’ambiente, anche, rilassato. Forte la carica emotiva per le mura ed il luogo che hanno il primato italiano della precoce scoperta di Rodrigo Garcìa. Meno incantevole invece l’evento che hanno ospitato ieri sera e che ospiteranno...