customer and border protection [parte I]

scritto martedì 11 maggio 2010 alle 01:33

Senza scarpe e sotto una coperta di pile, infreddolito, esposto al getto dell’aria fredda che sgorga copiosa dalla plancia in plastica sulla mia testa.
Senza scarpe e quindi impotente, illuminato da un fascio di luce che mi acceca come in un grottesco interrogatorio.
- Ha mai maneggiato esplosivo?
- Colleziona ordigni nucleari?

cinamerikana

Senza scarpe, a qualche migliaio di kilometri da terra. Equivale a dire in trappola e senza difese.
Potrebbero legarmi, imbavagliarmi e farmi sparire.
Potrebbero aver avvelenato le carotine alla julienne che l’hostess mi ha offerto con un sorriso di plastica incollato fra naso e mento.
Mento e naso, anzi, mentre la guardo deformarsi dabbasso.
E potrebbe essere incollato fra mento e braccio in una specie di crocifissione picassiana mentre precipitiamo a diecimilamiglia verso il basso. Appena un istantanea della sua faccia che si scompone, prima che un lembo di solida vetroresina la travolga esplodendone il contenuto prima che anche tutto il resto esploda, nel nero.
Ed è un istante.
Le julienne potrebbero comunque essere avelenate. In ogni circostanza.
Se precipitassi poco male.
Stordito dalle droghe non mi accorgerei neanche del sedile che si invola.
Non metterei il giubbino arancio scioccante.
Non respirerei dalla maschera.
Se invece fosse tutto un complotto e l’aereo non precipitasse, sarei lì. In balìa.
Non saprei fare il numero di Harrison che si nasconde nelle toilette e passa sopra la reputazione ingessata da presidente degli Stati Uniti, mostrandosi uomo d’azione, integro, inattaccabile, virile.
Presidente per tutte le occasioni, Harrison che entra nel gabinetto dell’aereo e si prepara ad uccidere tutti i dirottatori.
Uno ad uno.
Neanche coglie l’occasione per pisciare.
Però magari pensa alla nuova manovra finanziaria.
Harrison che si immola per la patria e mantiene il sangue freddo.
Da lui dovrei prendere esempio.
Ed invece rimango immobile, in balìa delle minacce della CBP, che mi controlla.
Già da ora.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

customer and border protection [fine]

Già da 25.000 piedi sopra il livello del mare. Forse, anzi certamente, già da dentro le carote alla julienne. Ci penso solo ora. Avrei dovuto condirle con limone per mandare in corto i circuiti. _C_O_R_T_O_C_I_R_C_U_I_T_I_ Per distruggere le microcelle che ora sono certo già piazzate nelle pieghe...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte I]

Puntava dritto a sud nella lunga curva della linea 6. Ammorbidiva la traiettoria verso ovest. Lunga curva sinuosa. Piazza Italia. Direzione Charles de Gaulle. Giacca nera. Velluto e bavero alzato. Rital di merda. Giacca nera, bavero alzato, mani in tasca. Mattina neragrigiocrema. Velo lieve sulle teste....

il pollo e la vocale

La famiglia Koutchi se ne stava tutta impegnata a scegliere un pollo arrosto sulla rue Fauxbourg du Temple. Il giovane Mohammed e il Piccolo ed il Nonno Rashid, il più tradizionalista, che aveva imposto la viande Halal nel rispetto dell’igiene e del Profeta. Eccoli riuniti attorno al grande...

jusqu’à l’ocean

Come pasta di mandorle La pollution Mi ha riempito il cuore e lo stomaco Sarà l'ozono che intossica i miei giorni O che non ho pile voltaiche con me Per ascoltare Thomas Fersen Per ridere di Partre. Non posso leggere che Leroy E la sua fine del mondo. Per dimenticare Jacques Brel O non capire...

scarto: un universo fra scarpe e cappello

Roma – Un cassonetto. Un uomo ne esce. Il tempo trascorre fra le blaterazioni intellettuali di un folle o di un savio. Non importa: è un ente narrante incompreso e derelitto e triste e allegro ed ignaro alle cui spalle scorrono le vite di una umanità varia e stereotipata. Umanità cristallizzata...

Esercizio di memoria. Topografie. [parte II]

Sans papier. E davanti un plotone di esecuzione in blu cobalto. Manifestazione contro gli Interni (stavolta non c'è ambiguità) di un manipolo di bobo con qualche immigrato nel mezzo. Una donna che rumoreggia al telefono cellulare e che ha tutta l'aria di essere una delegata del...

inverno invisibile [ultimo]

Ed ecco allora la stonata camminata per la rue st. Denis. Passando nel falso gelo del falso inverno della grande piazza. E del grande boulevard. Un passaggio distratto sotto l'arco. Un pensiero lontano alla confraternita della Passione. E alla passione e alla stretta del vuoto che attanaglia la gente.che...

inverno invisibile [parte I]

In quel momento un grappolo di molecole rallentava il suo moto oscillatorio casuale. Anzi accelerava. Anzi si innalzava in colonna verso l'alto. Anzi. Pioveva come una tepesta solare fra le maglie di ghisa del radiatore ad olio e ne veniva immediatamente sparata via. Lontano come la palla di Joe...