Sogno numero tre

scritto giovedì 24 giugno 2010 alle 00:26

calcinculo001
Nel tunnel delle lenzuola.
Sempre più giù nel nero tenebra.
Sarebbe rimasto sospeso per qualche ora sulla cima del grattacielo.
Come in quelle foto un po’ chapliniane del Rockfeller Centre in costruzione.
Gli operai irlandesi a mangiarsi il panino a duecento metri da terra.
Settanta piani di modernità senza barriere.
Sorridenti di una specie di age d’or del ritmo industriale.
Del ferro e dell’acciaio.
Ma lui era sospeso sul legno senza nessun Charles Ebbets a fotografarlo.
Solo una trave di legno su cui stare.
Ed un tetto che veniva giù pezzo per pezzo.
Sull’altro lato del tetto una passarella gira, anche lei.
E porta l’amico di sempre.
Lo fa volare in alto. E non sembra leggero.

bruciature sulla schiena

Un rumeno rompe il computer e continua a chiamarlo televisione mentre noi si fa un enorme barbecue in collina.
Sembra quasi California.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

diritto al cuore

Nel cono nero immobile - come - immobile Dans la ville et ses étudiantes Da evitare I suoi corvi da ascoltare Come allo Chaumont, sul colle Dei suicidi. State attenti, per favore Perché un poeta del male Il suo nero difficilmente sa cantare Senza esibirsi Dietro posa O pausa Faccio paura...

lodo numero due

Colpevoli e condannati. Assolti e graziati. Corrotti e Collusi. Potenti e poteri. Accusatori, accusati. Affaristi ed astuti. Giudici, giudicati, ingiudicati. Qualcuno vi parla dalle bombe del '73... Imputato ascolta, noi ti abbiamo ascoltato. Tu non sapevi di avere una coscienza...

all’ovest, morire

Dieci milioni di cuori Fanno un battito assordante Dieci milioni di cuori Sotto una nebbia solare postnucleare Dieci milioni di cuori Se battessero all'unisono Sarebbe un orgasmo Sonoro Sarebbe lo scempio La terra sarebbe A cedere per prima Ad orientarsi ancora All'est E all'ovest, morire...

only for the sky

Per questo, forse, cambian le stagioni Per scurirti il volto Indurire emozioni. Ed è subito inverno E più non scrivo La mia ginnastica per il midollo La mia ginnastica del cervello Non riposo Benché stanco E più non sogno Se non d'affiche molli alle sporche mura di casa mia Benché...

arresto del movimento

Comprare il biglietto per un concerto. Il desco di lavoro si popola di presenze magnetiche ed in movimento. Attrazioni fluorescenti. La pubblicià entra negli interstizi del lavoro, dell'amore, dell'amicizia. Internet. Contattare il mondo in un microsecondo. Attraversare i gangli che ci dividono dalla...

inverno invisibile [parte I]

In quel momento un grappolo di molecole rallentava il suo moto oscillatorio casuale. Anzi accelerava. Anzi si innalzava in colonna verso l'alto. Anzi. Pioveva come una tepesta solare fra le maglie di ghisa del radiatore ad olio e ne veniva immediatamente sparata via. Lontano come la palla di Joe...

customer and border protection [parte I]

Senza scarpe e sotto una coperta di pile, infreddolito, esposto al getto dell’aria fredda che sgorga copiosa dalla plancia in plastica sulla mia testa. Senza scarpe e quindi impotente, illuminato da un fascio di luce che mi acceca come in un grottesco interrogatorio. - Ha mai maneggiato esplosivo? -...

due mesi

ed al terzo sarà lutto E' fatica scrivere come un anonimato come sogno lontano come meccanica che non si avvera (ruota all'incastro) come anestesia ...o acqua per il cranio ...o per il cemento come forzatura che dovresti echenonpuoi perché...