customer and border protection [fine]

scritto lunedì 17 maggio 2010 alle 01:45

Già da 25.000 piedi sopra il livello del mare.
Forse, anzi certamente, già da dentro le carote alla julienne.
Ci penso solo ora. Avrei dovuto condirle con limone per mandare in corto i circuiti.
_C_O_R_T_O_C_I_R_C_U_I_T_I_
Per distruggere le microcelle che ora sono certo già piazzate nelle pieghe e nelle mucose del mio ventre e degli intestini.
Nel mio ventre imbevuto di flunitrazepam.
Mi riaddormento.
E sudo, ancora, sotto il getto del condizionatore.
Sudo.
Sudo e sogno di firmare un contratto con quelli della CBP, che mi guardano arcigni da dietro un metal detector.
Mi squadrano, quelli lì.
E già mi tolgono le scarpe e le tritano in un frullatore ai raggi X.
Non ce la faccio neanche a difendere i calzini che se ne vanno in una polvere sottile radioattiva.
È una polvere che mi infesta i polmoni. E tossendo, così, seminudo ai controlli di polizia sono un pupattolo ridicolo.
Il pisello è piccolissimo, minuscolo.
Un batacchietto tutto striminzito in confronto a quello di Harrison, ormai anche lui lì, non più disposto a mercanteggiare con me.
E quello pelato, il più grosso, quello che gli sta più vicino, recita il sermone.

rightsforamerikaans

« La Customer and Border Protection, ha la responsabilità di impedire l’importazione illecita negli USA di Articoli Proibiti ».
« Gli addetti CBP sono autorizzati ad interrogare ed a perquisire i viaggiatori alla frontiera, garantendo cortesia nel trattamento e rispetto della dignità personale ».
Gli fa eco il più alto, tutto allampanato. Ha l’aria di un sacerdote, tanto si diverte a pontificare sulla bellezza della frontiera.
« Ma è ovvio come il comportamento degli incaricati della CBP dipenda largamente dal fatto che si trasportino o meno sostanze stupefacenti, articoli osceni o sostanze tossiche. O tutte queste cose assieme, ché il mondo ha nella varietà delle abitudini e degli interessi la sua principale bellezza. »
HARRISON, nella sua sconfinata saggezza, annuisce.

Non potrà certo esimersi l’agente della CBP – ed infatti non lo farà – dal deportarvi o farvi deportare nel caso in cui non rispettiate le regole di accesso agli Stati Uniti d’America.
Entrando nel paese il passeggero RINUNCIA AI PROPRI DIRITTI, sottoscrivendo una dichiarazione in cui dichiara di non contestare il divieto di ammissione emanato dagli agenti doganali o dalla Polizia di Frontiera, e di non contrastare qualsivoglia azione di deportazione.

Io firmo. Firmo tutto.
Fatemi entrare.
Sudo ed il sudore è gelato e mi si ghiaccia sullo stomaco.
Sudo nel pile striminzito usaegetta della Delta.

È stato mai arrestato o condannato per atti di depravazione morale?
Intende dedicarsi al commercio di sostanze stupefacenti sul territorio degli Stati Uniti d’America?
(Stupefacenti.
Che generano
stupore momentaneo
artificiale.
Ma, amici miei, vista così, anche il maiale BBQ è stupefacente.
Mi stupisce che un uomo soltanto possa ingurgitare una costa di dinosauro, servita in un litrosano di nera salsa barbecue.)

Oggi o in passato è mai stato coinvolto in attività spionistiche, di sabotaggio, terroristiche o finalizzate a genocidio e stermini di massa?
Ha mai partecipato fra il 1933 ed il 1945 ad attività di persecuzione perpetrate dal partito nazista tedesco e dai suoi alleati?
(no, solo a partire dal 1947)
Ha già tentato di falsificare il visto di ingresso per gli USA?
Ha mai trattenuto o sottratto un minore in affidamento ad un cittadino statunitense?
È qui che mi sveglio.
Sul primo piano di Ilona Staller, in arte Cicciolina, deformato da un grandangolo spinto.
Potrà tornare ancora in America?
Avrà mica qualche amico o fan fra quelli della CBP?

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

customer and border protection [parte I]

Senza scarpe e sotto una coperta di pile, infreddolito, esposto al getto dell’aria fredda che sgorga copiosa dalla plancia in plastica sulla mia testa. Senza scarpe e quindi impotente, illuminato da un fascio di luce che mi acceca come in un grottesco interrogatorio. - Ha mai maneggiato esplosivo? -...

oceanofiume

Nel nero dell'acqua. Corale, ancora. Nuotare, ancora. All'infinito. All'esterno. Fino a che l'acqua non chiami altra acqua. Stavolta dolce. Quando sulle labbra ancora si articola un abbecedario salino. Acqua di fiume, insomma. Popolata di una foresta scura di alghe. Marrone secco. Marrone autunno. Ed...

gelatina & fotoni: ancora arabi [fine]

SENZA IMMAGINE Già. Perché capisco che ora, a questo punto della storia, quando intorno a me ci sono dieci persone e nessuno nella rue faubourg du temple che si ferma. Perché capisco che ora. Proprio ora. Devo togliere la pellicola amata dalla macchina fotografica. Lanciarla in terra. Perché...

gelatina & fotoni: ancora arabi [parte I]

Questa volta hai proprio esagerato. O è Parigi che ha esagerato. O la televisione. Quella però, a dire il vero, esagera sempre. E quindi non mi trovo a navigare, stavolta, ma mi sto nei miei pensieri. Lo sguardo si chiude dentro al parallelepipedo della scatola ottica.Quadrato di specchi quadrati. Dicono...

alé hop – cambiamo pelle

Stanco della sua, artmobbing ha deciso di cambiare pelle a paris mushrooms. nella crisi della scrittura, una scusa, quella del disegno e del ghirigoro, per procastinare le parole ed allontanarsi dal foglio (se pure virtuale foglio). Qualcuno è tornato, spesso, forse sgomento per l'assenza...

gelatina & fotoni: ancora arabi [parte II]

Hai solo fumo blu nella testa e nei polmoni. E questa sera in fondo non è neanche troppo dorata. Questa sera è mezza azzurra e mezza blu. Giustamente: come il fumo nella tua mente e la nebbia nelle tue ossa. La sera è blu e quasi fa freddo a pensarci. Che avresti quasi bisogno di un maglione. Ma...

il sessantotto da uno che nOn c’era [II]

È davvero un progetto ambizioso, quello di Giuseppe Spezzaferro, scrivere una storia del Sessantotto dalla parte di chi c’era davvero per “farci entrare dentro chi non c’era”: segno di una urgenza, che sottolinea quanto sia importante oggi una riflessione sul movimento studentesco lontana...

terremoto

saluto la mia donna in una mansarda. siamo distesi. Scatto una foto alla sua migliore amica. verso il basso. Giungo in una casa. é di un uomo. La presta a me perché conosco una sua amica. La sua amica arriva. Vivremo insieme. Una sera ho anche un ospite. Una donna. Arriva e non cena, anche se...