diecimila metri

scritto martedì 31 ottobre 2006 alle 10:59

Tracciava sull’oblò il ghiaccio
Geometrie
Allusioni
Klee ridotto a brina atmosferica
Sogni
O volti
Che la memoria

                       avrà

                       trascurato

A Parigi o chissà in quale altrove
E che l’hostess non guarda
E che
L’hostess
Non
Guarda
Ha già abbastanza da fare col suo caffé solubile
Ha già abbastanza detto
                       delle ragioni
                       funeste
                       del volo
Ed io che non avrei dovuto sporgermi sul baratro
Per vederne la fine
Per non vederne che l’inizio soltanto
Nella foschia intensa che Roma
Avvolgeva

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

Paul Klee o l’alfabeto nella linea

Roma - «Una linea sogno. Non avevamo mai lasciato sognare una linea, fino a questo momento». È con queste parole che Michaux parlava della pittura di Paul Klee, evocandone a ragione la forza generatrice e sognante. La stessa forza percorre oggi le sale della mostra allestita in memoria del grande...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte II]

Quai de la gare. E ci fa talmente freddo in quel momento, che il bavero alzato sembra troppo piccolo. Il vento è una lama tagliente che monta in direzione della station aérienne. Da questo métro non si emerge, si scende. Il vento è talmente forte che non fai neanche in tempo...

gelatina & fotoni: ancora arabi [fine]

SENZA IMMAGINE Già. Perché capisco che ora, a questo punto della storia, quando intorno a me ci sono dieci persone e nessuno nella rue faubourg du temple che si ferma. Perché capisco che ora. Proprio ora. Devo togliere la pellicola amata dalla macchina fotografica. Lanciarla in terra. Perché...

insomniaque

photocredits - artMobbing - rk22.com Questa assenza di sonno Che mi toglie il soffio Che istiga destino a destino E che intasa i polmoni E questa assenza di sogni Che stravolge le mie notti Come all'uscita di una veglia forzata Solstizio ostile Dove il giorno è giorno E dove vorrei che fosse...

ossa

Lavato al sole E le mie ossa Ho raccolto dalla                         POUBELLE                        ...

a difesa della défense

Leonardo Da Vinci immaginò una città su due livelli. Quello più basso per lo scorrimento delle vetture, quello alto per le attività commerciali e per la vita sociale. Nel contesto delle varie città ideali del Rinascimento il progetto di Leonardo è quello forse di maggiore attualità perché...

Buchi e terre

Un mondo facilmente manipolabile è un mondo in cui l'informazione abbia perso la dimensione temporale. Un mondo in cui la custodia del sapere sia demandata. Un mondo in cui la custodia delle informazioni, dell'arte e delle idee sia relegata a mera attualità. Nella perdita della...

Sogno numero tre

Nel tunnel delle lenzuola. Sempre più giù nel nero tenebra. Sarebbe rimasto sospeso per qualche ora sulla cima del grattacielo. Come in quelle foto un po' chapliniane del Rockfeller Centre in costruzione. Gli operai irlandesi a mangiarsi il panino a duecento metri da terra. Settanta piani di...