inverno invisibile [parte II]

scritto martedì 23 gennaio 2007 alle 00:03

Click.
La luce si spegne.
Click.
Nella stanza buia la termodinamica fa il suo dovere. Il cosmo rallenta e perde via via l'inerzia che gli aveva impresso il calore accecante delle lampade.
Click.
E l'attrito fra molecole propaga il calore. Dal punto più caldo a quello più freddo. La riduzione progressiva del movimento. La tendenza cosmica a raggiungere il tiepido. Non punti di luce. Non punti di calore. Nemmeno l'esaltazione folle e romantica di qualcosa diversa da tutte le altre.
La materia si arresta. Lentamente.
Click.
110.12 Fahrenheit negli interstizi del calorifero.
Il big bang perde la sua spinta.
483.96 Fahrenheit sulla superficie specchiata della lampada alogena.
La galassia di Andromeda si stanca molto più di quanto non possiate immaginare.
97.89 Fahrenheit a forma di fagioli uno di fronte all'altro, sulla sedia.
Il cuore magnetico della terra cammina. Venti kilometri al secondo.
Siamo
Seduti
Su una enorme
Dinamo
In arresto ritardato.
Lentamente il calore viaggia di particella in particella alla ricerca della sua media matematica.

Click.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

Allah, Google, i pescivendoli [epilogo]

Click. Apro il mio portatile. Click click click. Goooooooooooglemap. Magari una schiena. Magari anche solo i tappeti. O i mucchi di scarpe. Magari un commento. Escludo i supermercati e le attività commerciali. Escludo tutto. tuuuuuuuuuutti i layer fuori! Voglio solo la consapevolezza. Voglio...

inverno invisibile [parte III]

Allo Zorba sarebbe impossibile tracciare anche lontanamente la rotta di una sola delle particelle nell'aria. Perché allo Zorba enormi transessuali muovono in vortici eleganti il gas sulle loro teste a due metri dal pavimento. Allo Zorba il fumo si propaga neroviolagiallo verso l'alto...

inverno invisibile [parte I]

In quel momento un grappolo di molecole rallentava il suo moto oscillatorio casuale. Anzi accelerava. Anzi si innalzava in colonna verso l'alto. Anzi. Pioveva come una tepesta solare fra le maglie di ghisa del radiatore ad olio e ne veniva immediatamente sparata via. Lontano come la palla di Joe...

inverno invisibile [ultimo]

Ed ecco allora la stonata camminata per la rue st. Denis. Passando nel falso gelo del falso inverno della grande piazza. E del grande boulevard. Un passaggio distratto sotto l'arco. Un pensiero lontano alla confraternita della Passione. E alla passione e alla stretta del vuoto che attanaglia la gente.che...

only for the sky

Per questo, forse, cambian le stagioni Per scurirti il volto Indurire emozioni. Ed è subito inverno E più non scrivo La mia ginnastica per il midollo La mia ginnastica del cervello Non riposo Benché stanco E più non sogno Se non d'affiche molli alle sporche mura di casa mia Benché...

l’ambiente? una sfida industriale (parte I)

Una sfida rimbalza nel chiacchiericcio congiunto di tutti i media. E' la sfida dell'ambiente. Per cui ci si è improvvisamente accorti che il pianeta sta morendo, che la terra scalda, che il carbonio immesso nell'aria dai duecento anni di luce (elettrica) che ci separano dall'illuminismo, è letale...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte II]

Quai de la gare. E ci fa talmente freddo in quel momento, che il bavero alzato sembra troppo piccolo. Il vento è una lama tagliente che monta in direzione della station aérienne. Da questo métro non si emerge, si scende. Il vento è talmente forte che non fai neanche in tempo...

doposbornia da bullismo

  Cominciamo dai nomi: “bullismo” e “mobbing in età evolutiva”.Due mostruosità linguistiche. In sincronia con tutti o quasi i fenomeni sociali più attuali, “dizionarizzati”, (già che ci siamo…), dalla lingua giornalistica. Per...