Quattro oranghi a piazza Venezia

scritto venerdì 20 novembre 2009 alle 11:03

oranghi a piazza Venezia per Greenpeace

oranghi a piazza Venezia per Greenpeace

oranghi a piazza Venezia per Greenpeace

Stamane alle 9 circa a piazza Venezia, la surreale visione di due oranghi arrampicati sui grandi pini marittimi dei Fori, mentre altri due se ne stanno stesi a sonnecchiare all’ombra della Colonna Traiana.
Mentre scrivo è probabile che gli oranghi siano ancora lì, in attesa della polizia che se li porterà via, potete contarci.
E non tanto per una questione zoologica, ma politica.
Già, perché gli scimmioni in questione stringevano striscioni e manifesti all’indirizzo niente di meno che di Silvio Berlusconi, per protestare contro la deforestazione indonesiana ed invitare l’onorevole presidente a presentarsi al vertice sul clima di Copenaghen, previsto per la prima metà di dicembre, e già in aria di triste naufragio.oranghi a piazza Venezia per Greenpeace
Un manifesto firmato Pongo Pygmeus, e stampigliato con il logo di Greenpeace espone la rilevanza della questione Indonesiana, la cui deforestazione è una delle catastrofi ambientali più serie del globo. L’isola dell’Oceania occupa infatti il terzo posto nella classifica mondiale delle emissioni di CO2, dopo Cina e Stati Uniti.
Come può un paese così piccolo inquinare quasi quanto i giganti industriali del pianeta?
oranghi a piazza Venezia per GreenpeaceCe lo spiegano gli oranghi, inquilini di una foresta vergine che sorge su un vasto strato di torba, nel quale sono intrappolati circa due miliardi di tonnellate di carbonio. Gli incendi e le ruspe che fanno spazio alle coltivazioni di palma, permettono così a questa immensa quantità di carbone fossile di sprigionarsi nell’atmosfera.
oranghi a piazza Venezia per GreenpeaceÈ una vera tragedia ambientale, che mette a rischio la salute del pianeta, la nostra, e nell’immediato quella degli oranghi e delle popolazioni locali.
Ma potrebbe essere arrestata con decisioni concrete e soprattutto col denaro: Greenpeace calcola che con 30 miliardi di euro l’anno le foreste del globo potranno essere finalmente messe in sicurezza.
oranghi a piazza Venezia per GreenpeaceIntanto i grossi oranghi sono così gentili da offrire al premier un biglietto ferroviario, per raggiungere la capitale danese.
Come a dire: basta solo un po’ di volontà.

Leggi qui il manifesto dell’iniziativa di Greenpeace

 

 

 

 

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

una risposta a “Quattro oranghi a piazza Venezia”

  1. Simona scrive:

    Ciao! Sono Simona, una degli oranghi, precisamente L’ORANGO SENZA CASA (auahauaahu) sai mi fa molto piacere il fatto che tu abbia pubblicato così tante informazioni e così tante foto! Davvero vedere che c’è gente che viene colpita così profondamente e così positivamente dalle nostre azioni mi riempie davvero il cuore di gioia e di speranza per il futuro! spero non ti dispiacerà se pubblico il tuo link sulla mia pagina di facebook, grazie mille!

    aspetto una tua risposta

    Pongo Pygmeus

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

Déjà-vu?

è il nuovo che avanza. tutto somiglia a tutto. staremo meglio annegati in questo torpore di immagini identiche. campagna di obama campagna di franceschini...

molleindustria: alienazione

Molleindustria è una vecchia conoscenza internettiana. Mi aveva particolarmente divertito con il gioco di strategia in flash d'allure "no-global", tutto dedicato al mcDonald's, in cui lo scopo era far profitti, ed i mezzi per raggiungerli un mix di marketing demagogico e deforestazione. Archiviati...

blu polizia

photocredits artMobbing - RK22 Rue d'Enghien, sede della campagna elettorale di Nicolas Sarkozy,  domenica 22 aprile, primo  turno elettorale alle presidenziali. Nuovi culti dell'immagine: un cordone di poliziotti fa da corridoio per la sfilata di vip in venerazione. Venezia, Cannes,...

lodo numero due

Colpevoli e condannati. Assolti e graziati. Corrotti e Collusi. Potenti e poteri. Accusatori, accusati. Affaristi ed astuti. Giudici, giudicati, ingiudicati. Qualcuno vi parla dalle bombe del '73... Imputato ascolta, noi ti abbiamo ascoltato. Tu non sapevi di avere una coscienza...

Ensor = Hareng Saur = James (art) Ensor [parte I]

« J’ai anticipé tous les mouvements modernes ». L’affermazione è non già d’un artista, ma di un un’aringa salata, stoccafisso umano stretto fra i denti di due teschi, che - ingordi - se ne disputano l’odore forte ed il sapore cauterizzante. Dietro al gioco linguistico di vena surrealista,...

Calder al Palazzo delle Esposizioni. Il moto del cosmo.

Oggi meno nominato di altri artisti dell’avanguardia storica, Alexander Calder è tuttavia un autentico gigante dell’arte contemporanea, cui si deve l’apertura della scultura al movimento, in quella che potremmo considerare come una declinazione in chiave “cosmologica” del realismo. Lo si...

liberty horror

Nessuna immagine potrebbe rappresentar meglio la spinta dinamica dell’Art Nouveau, di quella di Salvator Dalì che spunta dal metrò parigino, al guinzaglio un meraviglioso esemplare di “Tapiro romantico, l’animale che André Breton aveva scelto come ex-libris”. Intanto perché a Parigi l’Art...

Lifta, Israele: dell’architettura e di altre questioni di valori

Visualizzazione ingrandita della mappa La colonizzazione non si fa solo con le armi, ma anche a colpi di cemento. E non solo di cemento dozzinale e bunker, ma a colpi, pure, di cemento pregiato e modellato dall’inventiva e dal disegno computerizzato. L’architettura è strumento di invenzione e...