oceanofiume

scritto sabato 30 settembre 2006 alle 20:09

Nel nero dell’acqua.
Corale, ancora. Nuotare, ancora.
All’infinito. All’esterno.
Fino a che l’acqua non chiami altra acqua.
Stavolta dolce. Quando sulle labbra ancora si articola un abbecedario salino.
Acqua di fiume, insomma. Popolata di una foresta scura di alghe.
Marrone secco. Marrone autunno.
Ed arrivare all’insenatura. Vedere una costa che è anche argine.
Bordo.
Ed una cancellata davanti, che ci impedisce di uscire. Restiamo a mollo.
E guardiamo tre figure su una strada già vista in Grecia.
Le piantagioni fra Larisa e Thesaloniki. Il paese che vedevamo da lontano.
Irraggiungibile a piedi.
La stessa rocca. Ma Orvieto.
E gli uomini che scavano sul muro. Ed armeggiano come a drogarsi.
Scivola sul bordo.
Entra nell’acqua.
E per noi non è più il momento di uscire. Né di restare dentro.
Solo il momento di essere a mollo. Nel limbo. Nella placenta dell’acqua.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

inverno invisibile [ultimo]

Ed ecco allora la stonata camminata per la rue st. Denis. Passando nel falso gelo del falso inverno della grande piazza. E del grande boulevard. Un passaggio distratto sotto l'arco. Un pensiero lontano alla confraternita della Passione. E alla passione e alla stretta del vuoto che attanaglia la gente.che...

due mesi

ed al terzo sarà lutto E' fatica scrivere come un anonimato come sogno lontano come meccanica che non si avvera (ruota all'incastro) come anestesia ...o acqua per il cranio ...o per il cemento come forzatura che dovresti echenonpuoi perché...

DDANG: da-lì-a-qua è acqua

E’ stata appena inaugurata negli spazi del chiostro Agostiniano all’archivio storico di Bracciano l’esposizione multidisciplinare DDANG, iniziativa dedicata alla scomparsa di un giovane artista braccianese, Damiano De Angelis, organizzata dall’associazione culturale Freespirit e promossa anche...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte IV]

Eppure dalla foschia seminutturna del freddo dell'esplanade al sotterraneo rez-de-jardin moquetterossapassofelpato una qualche differenza c'era. Nel golfo mistico delle logge. Chiuso nella scatola con la lettera Y. Appena in grado di percepire il defilare dei piedi lungo il corridoio. Lungo...

Allah, Google, i pescivendoli [I]

La notte ai tre fratelli è stata. Nel senso che è passata. Mi stringo nel saccoletto. E non so dove sta il nord e dove il sud. Anche perché in barba alla persona geografia di Parigi da questa parti quando si va a sud si sale e quando si va a nord si scende. Dice: e allora? Allora nella precipua...

inverno invisibile [parte I]

In quel momento un grappolo di molecole rallentava il suo moto oscillatorio casuale. Anzi accelerava. Anzi si innalzava in colonna verso l'alto. Anzi. Pioveva come una tepesta solare fra le maglie di ghisa del radiatore ad olio e ne veniva immediatamente sparata via. Lontano come la palla di Joe...

Esercizio di memoria II. Topografie. Acque.

  La polizia va in motoscafo, mica a nuoto. La polizia naviga rapida in linee rette che tagliano le virate nevrotiche della Senna. Più rapida delle chiatte. Atalante. Più rapida della corrente. Atalante. Più rapida del legno più rapido da qui al Canal dell'Ourcq....

switch-off

Da oggi la tele si esprime solo per interminabili formicolii. E non avevo mai pensato a quanto fosse stuperno uno schermo formicolante. Certe scoperte fanno bene all’anima. Anche l’assenza della pubblicità fa bene all’anima. Switch off. E nel nero del segnale che se ne va - del segnale che...