Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte IV]

scritto giovedì 8 marzo 2007 alle 11:18

esercizio di memoria - libri

Eppure dalla foschia seminutturna del freddo dell'esplanade al sotterraneo rez-de-jardin moquetterossapassofelpato una qualche differenza c'era.
Nel golfo mistico delle logge. Chiuso nella scatola con la lettera Y. Appena in grado di percepire il defilare dei piedi lungo il corridoio. Lungo i corridoi. Scale automatiche e vetri a picco sul pavimento.
Scale automatiche e tornelli. Ancora tornelli. Ancora tornelli.
In una memoria che ha l'ambizione dell'eternità e che si piega sotto lo scalpiccìo di un digitare incessante.
La memoria volatile.
Dalla pergamena all'asfalto, passando per un pugno di bit.
Non ha percepito neanche il movimento lento del personale di sala dietro alle sue spalle. Il fruscio inquietante della mani posate sulla copertina in pelle. I piedi che alternano il suono ovattato con quello secco e sordo e scricchiolante del legno.
E già i due cuscini rossi sono davanti ai suoi occhi.
G U L P
E già la cavità appuntita della postazione accoglie dorso e coperte in pelle di vacca.
Parchemin sostenuto da legno e cordini. Parchemin idurito dalle centinania di migliaia di dita che lo hanno sfiorato.
Dai libri che lo hanno compresso sotto il loro peso, nel buio silenzioso di un monastero. O fra lo sfogliare incessante della Bibliotica di Rothschild.
Acidi e grassi trasferiti dai polpastrelli alla superficie venata della bestia. Strisci di saliva e DNA depositati nella struttura microscopica della pelle. Erodendola. Lucidandola.
Forse gli ambientalisti, ancora loro, si sarebbero lamentati.
Forse avrebbero domandato un mondo più umano. O più animale.
Un mondo che facesse i libri almeno con la carta o col papiro.
Un mondo nel quale sarebbe stato preferibile ammazzare un albero alla enorme sofferenza bovina ed ovina e caprina che la realizzazione di un libro a stampa di lusso poteva richiedere.
Conciare la fibra umida e pastosa dell'albero, invece di scrostare la pecora e sottoporne le pelli ad un pestaggio continuo. Al passaggio nel basico. Poi nell'acido. Nell'acido. Poi nel basico.
Acqua e calce. Calce ed acqua.
Per rendere il supporto eterno.
Per fare dei cunei neri che vi si imprimeranno una scia infinita.
La forza del muscolo.
La bestia ammazzata e scuoiata.
E l'odore del sudore.
Il cavaletto e la depilazione a calce.
La spinta del movimento del corpo che sostiene il protarsi della memoria.
L'erba ed il pascolo che diventano pelle. La pelle che diventa libro.
La forza del sole sul telaio. Il caldo cocente dell'estate che tende la fibra. Indurisce.
Chissà se il mastro sapeva che la sua cartapecora è antica come Pergamo.
Antica come il canale di un centimetro che percorre il retro della facciata di Efeso.
Il canale che con un sistema di ruote faceva discendere il rotolo verso il basso.
Il rital digita qualche numero sulla tastiera.
Un codice quasi segreto e misterioso, più del titolo che gli si associa.
Un enigma.
Un algoritmo che si fa chiamare ISBD. Intermarc. Unimarc. Codici a barre.
Stantuffi e meccanismi leonardeschi si attivano nel ventre roboante delle torri.
Sembrerebbe che del vapore esca da dietro le spalle della donna al banque de salle.
La superficie levigata senza più carnicci: lo scrupolo del passaggio della mezzaluna nel recto, ad asportare gli ultimi pezzi di carne disperatamente rimasti attaccati alla pelle.
L'abrasione della calce nel verso.
La pomicie che perfeziona il candore e la morbidezza della natura.
Fritz Saxl si immagina che per identificare le aree geografiche di provenienza della cartapecora basta vedere al microscopio l'orientamento e la forma dei  bulbi piliferi, che restituiscono la razza ed il tipo di bestia. Saxl. Assistente ed amico di una vita per Warburg.
Tutta questa fatica. Tutto questo sudore. Tutti questi pascoli antichi passati nel laboratorio chimico di una bestia per arrivare fin qui. In forma di libro.
Non c'entra niente il silicio.
Zero impatti ambientali e una eternità.
Non si perde la memoria affidata ad un manufatto.
Pensiamo davvero che questo cumulo di bit sia un manufatto?
Pensiamo davvero che la forza delle dita sia superiore alla spinta dell'avambraccio? Al gioco del polso? Alla pressione del trapezio? Alla rotazione del torchio?
La pergamena è croccante sotto le dita del rital. Sotto gli occhi del rital un miracolo di rilegatura.
All'interno la carta e la filigrana e la stampa a caratteri mobili.
La bindella è allontanata dal tenone. Il fermaglio è fatto scattare dall'assistente di sala. Il rito inizia nella cattedrale.
Il taglio davanti è dorato e decorato.
Capitello labbro e nervature sono abrase. Nel contropiatto note a lapis mondate dal tempo.
In 4° a caratteri gotici appresso le officine vicentine di Grossi nel 1616.
L’arte de’ cenni con la quale formandosi favella visibile. Si tratta della muta eloquenza che non altro che un facondo silentio. Divisa in due parti.
Repertorio gestuale, senza illustrazioni, nel quale si parla della favella che si vede.
Vedere la parola. Come i muti.
Come i chi i sensi non li aveva ancora annichiliti dietro le fluorescenze catodiche del quotidiano.
Elenco di pose e gesti provenienti da una insondabile stratificazione del sapere. La retorica antica. I classici latini. La commedia alla moderna. Le sacre scritture. Gli illustri ed i loro lustri di avantieri e di ieri.
L'alfabeto elementare per sondare le significazioni infinite di una scena grottesca del 1524.
Quello che oggi si cela nella distanza glaciale dell'emoticon allora stava dietro il movimento delle mani e degli occhi. Dietro pose che si facevano icone. Dietro un corpo che si faceva presenza e segno ed incontro.
Il linguaggio circola nell'occhio. Il corpo spinge il linguaggio scritto con la forza del sudore.
Le pagine scorrono.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

diecimila metri

Tracciava sull'oblò il ghiaccio Geometrie Allusioni Klee ridotto a brina atmosferica Sogni O volti Che la memoria                        avrà                        trascurato A Parigi o chissà in quale altrove E che l'hostess non guarda E...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte VI]

Additare col dito di mezzo Questo dito si dimanda medio, perché è posto nel mezo degli altri, & anco medico, perché i Medici l’adoperano à distendere gli unguenti, e anco impudico, perché distendendolo, & raccogliendo l’indice, e l’anellare...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte II]

Quai de la gare. E ci fa talmente freddo in quel momento, che il bavero alzato sembra troppo piccolo. Il vento è una lama tagliente che monta in direzione della station aérienne. Da questo métro non si emerge, si scende. Il vento è talmente forte che non fai neanche in tempo...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte V]

Coprirsi la testa con le mani, ò con la veste Toccarsi il capo Braccio alzato Alzar la mano in atto di offesa Minacciar con l’indice Il gesto della cicogna Questo era un gesto di scherno, che si faceua dietro ad alcuno, ponendo la punta del dito indice sopra la sommità del pollice,...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte I]

Puntava dritto a sud nella lunga curva della linea 6. Ammorbidiva la traiettoria verso ovest. Lunga curva sinuosa. Piazza Italia. Direzione Charles de Gaulle. Giacca nera. Velluto e bavero alzato. Rital di merda. Giacca nera, bavero alzato, mani in tasca. Mattina neragrigiocrema. Velo lieve sulle teste....

i libri? non ve ne libererete mai!

« Non sperate di liberarvi dei libri ». Suona come una minaccia ma è il titolo un po’ pulp scelto da Jean-Philippe de Tonnac per la conversazione da lui condotta con Umberto Eco e Jean-Claude Carrière, dedicata all’invincibile attualità del libro. È una conversazione sul senso del libro...

la nuit des abysses au jardin des plantes

Il s’agit de présences magnétiques. D’éclairs dans le noir de la nuit aquatique. Mais il s’agit de vie, même si affreuse. Vie quand même. « D’ailleurs ils sont tous moches » : il a raison de le dire, le gamin à coté de moi à l’occasion de « Abysses », l’expo organisé par...

Topografia Berlinese. Pelle.

Sono segni inequivocabili. I segni della guerra. Berlino ha una geografia lineare immensa. Ortografia del massacro, forza semantica e potere significante. Rasa al suolo. Come Dresda. Più di Dresda. Rasa al suolo e poi spaccata in due come una mela. Su un corpo vivo la cui la pelle rinnova lasciando...