DDANG: da-lì-a-qua è acqua

scritto lunedì 14 gennaio 2008 alle 11:55

ddang a bracciano
E’ stata appena inaugurata negli spazi del chiostro Agostiniano all’archivio storico di Bracciano l’esposizione multidisciplinare DDANG, iniziativa dedicata alla scomparsa di un giovane artista braccianese, Damiano De Angelis, organizzata dall’associazione culturale Freespirit e promossa anche dal comune laziale.
Quest’anno il tema dell’iniziativa – che continuerà fino al 20 gennaio – è l’acqua, argomento quanto mai scottante ed al centro del dibattito mondiale sullo sviluppo sostenibile.
Da-lì-a-qua: acqua. Ed i giovani artisti (molti) che hanno risposto all’appello dell’associazione si sono cimentati con risultati alterni nell’elaborazione del tema. Poca, pochissima politica (al contrario di come invece ci saremmo aspettati) a conferma che la visione dell’arte prescinde sempre più dalla dimensione etica e si fa piuttosto poesia, allusione, gioco concettuale e ripetizione di stilemi propri di movimenti artistici del passato (Warhol, Hokusai, Studio Azzurro…).
Fra le opere in mostra siamo rimasti piacevolmente colpiti dalle foto di Matteo Rizzo, scarpe velate dall’acqua, segnali rubati di percorsi cittadino sotto la pioggia. Gloria Tranchida ha invece proposto una pittura che sembra uscita dall’atelier di Burri, in cui la materia dorata d’una tavola in cartone diventa crepa nel terreno, calore, sole, SICCITA’. L’effetto è tagliente.
Davvero notevole anche l’apporto dei Lumpysboys, che hanno partecipato alla mostra anche attivamente con la movimentata immagine coordinata dell’iniziativa e che nella categoria “grafica” – hanno presentato lo schizzo di un nucleo acqueoterrestre in bilico fra linguaggio pubblicitario ed esuberanza graffitista intitolato “Bicchiere mezzo vuoto”.
Artcock lascia invece intuire una capacità ironica notevole con “Effervescente naturale”, ma l’impressione è che il lavoro presentato sia solo l’episodio di una serie.
Fra i video interessante la scoperta di “menu del giorno” realizzato dall’ass. culturale LAGOccia per la regia di Luca Tedesco: vi scopriamo un banchetto lungolago a base del prezioso liquido trasparente.
Ma quello che abbiamo amato di più (e saremo pure infantili) è il gesto concettuale ed esplosivo di Francesco Iacopelli, che mette un pesce in un cubo trasparente, vi appone una cornice e dice “Senza titolo”.
Va aggiunto che il DDANG sostiene l’Utawaleza Farm Project, che nel villaggio di Maldeco in Malawi ha gettato le basi per la costruzione di una comunità agricola sostenibile.
E va segnalata infine anche la nostra presenza (la presenza di Artmobbing) alla mostra con una serie di quattro foto sul confine acquatico più controverso del mondo.

http://www.myspace.com/ddang_bracciano

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

una risposta a “DDANG: da-lì-a-qua è acqua”

  1. matteo rizzo scrive:

    ….e io a mia volta sono rimasto piacevolmente colpito dal vostro sostegno -appoggio-apprezzamento!
    grazie.
    Matteo Rizzo

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

oceanofiume

Nel nero dell'acqua. Corale, ancora. Nuotare, ancora. All'infinito. All'esterno. Fino a che l'acqua non chiami altra acqua. Stavolta dolce. Quando sulle labbra ancora si articola un abbecedario salino. Acqua di fiume, insomma. Popolata di una foresta scura di alghe. Marrone secco. Marrone autunno. Ed...

Dada e surrealismo al Museo del Vittoriano

E’ stata inaugurata oggi a Roma la mostra “Dada e Surrealismo riscoperti”, che occuperà gli spazi del Museo del Vittoriano fino al 7 febbraio 2010. Il percorso espositivo ripercorre cronologicamente lo sviluppo dei due movimenti, da una parte sorvegliando le singole estetiche dei protagonisti,...

Per farla finita col giudizio della luce (IV)

MANIFESTO ANTI-ILLUMINISTA «Il protestantesimo, la dottrina che, con la sua mitizzazione del lavoro e la redenzione attraverso di esso, è stata un propellente decisivo del decollo industriale, e che oggi è la dominante dei Paesi guida dell’attuale modello di sviluppo (in particolare negli Stati...

due mesi

ed al terzo sarà lutto E' fatica scrivere come un anonimato come sogno lontano come meccanica che non si avvera (ruota all'incastro) come anestesia ...o acqua per il cranio ...o per il cemento come forzatura che dovresti echenonpuoi perché...

sfera

Da dentro la sfera i rumori dell'esterno erano ineffabili. Almeno quando la macchina era a riposo: l'elettricità impiegava appena qualche nanosecondo ad irradiarsi nella spuma bianca che colmava l'involucro trasparente. Benché non potesse più comprenderne la differenza, in quel momento Noel...

parigi. ritorno.

Nel cuore mi avanza il métro Saltare al di là Delle porte - perché Non sarebbe mai stata più uguale Republique O Parigi a Parigi Toi même et les autres Nella fine del mondo più secca e brutale Fine distesa su bordi ineguali...

Allah, Google, i pescivendoli [I]

La notte ai tre fratelli è stata. Nel senso che è passata. Mi stringo nel saccoletto. E non so dove sta il nord e dove il sud. Anche perché in barba alla persona geografia di Parigi da questa parti quando si va a sud si sale e quando si va a nord si scende. Dice: e allora? Allora nella precipua...

Esercizio di memoria II. Topografie. Acque.

  La polizia va in motoscafo, mica a nuoto. La polizia naviga rapida in linee rette che tagliano le virate nevrotiche della Senna. Più rapida delle chiatte. Atalante. Più rapida della corrente. Atalante. Più rapida del legno più rapido da qui al Canal dell'Ourcq....