fenicie, tragedia del postmoderno

scritto lunedì 19 febbraio 2007 alle 11:00

gabriele vacis

“Fenicie”, un adattamento di Gabriele Vacis dell’omonima tragedia Euripidea incentrata sulle vicende dei Sette contro Tebe, si muove sui confini dell’astrattezza, immaginando la progenie maledetta di Edipo, in un clima sempre in bilico fra modernismo postindustriale e suggestioni di un mediterraneo antico. Il lavoro nasce da “Cori”, un laboratorio sulla funzione del coro nella tragedia greca, che il teatro Settimo – di cui Vacis è uno dei fondatori e dei principali animatori – aveva già avuto modo di portare in scena per la rassegna “Maggio cercando i teatri”.
Quello di “Fenicie” è un percorso che va a ritroso nella storia del teatro, ripristinando e modernizzando il ruolo che il coro assumeva in Euripide, un ruolo di mediazione fra realtà e fantasia, sospeso in una dimensione temporale totalmente astratta, che possa “rimettere in circolo il passato”. Una scelta dunque, che non vuole avere solamente un contenuto di carattere linguistico, ma che cerca di scavare ulteriormente in quelle che sono le tematiche tipiche di Gabriele Vacis – noto anche al pubblico televisivo per il testo scritto con Paolini sul disastro del Vayont e per la trasmissione “Totem” -, impegnato da tempo in una ricerca sul valore del ricordo e della sua ricostruzione narrativa.
Una vicenda senza tempo, la lotta fratricida, assume così tutto il suo valore nella contemporaneità delle guerre etniche; e questo avviene attraverso una attualizzazione che vive nel testo mediata da un italiano fra il colloquiale e l’aulico, e dai costumi, frutto di un’ibridazione fra antico e moderno: un processo in cui le stesse sferzate filosofiche antisofistiche di Euripide delineano prospettive inquietanti, nel momento in cui il relativismo delle verità di Eteocle può diventare violenza e lutto.
E per paradosso, tutta la bellezza del testo di Euripide viene riportata alla luce nella sua originarietà, ma da un punto di vista non filologico, che fa dell’essenza umana il maggiore punto di contatto fra la nostra società e la Grecia antica, proponendo a noi contemporanei uno sguardo su Euripide attuale come attuale era la tragedia allora. È così che le mura di Tebe possono essere riscoperte nelle cataste di taniche di benzina di una guerra fra tante, e che il boato dei caccia può evocare il passo incalzante di un esercito in armi.

(visto al Teatro Valle – Roma – Febbraio 2001)

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

Chi paga il debito? Antonio Rezza per Alberto Grifi

Tanto avventuroso il film della vita di Alberto Grifi quanto tristi i titoli di coda. Domani, giovedì 11 febbraio a Roma, presso l’Alpheus (www.alpheus.it ) Antonio Rezza proporrà il suo “Pitecus” a sostegno dell'inventore del cinema sperimentale in Italia, considerato...

Raffinato e pacchiano l’impero cinese a Roma

  Roma - Sono già stati spesi diversi ettolitri di inchiostro per la mostra alle Scuderie del Quirinale, “Cina. Nascita di un impero”. Non si sentiva il bisogno dunque di riparlarne qui, ma lo faremo lo stesso, dal momento che è previsto un prolungamento dell’evento...

il pollo e la vocale

La famiglia Koutchi se ne stava tutta impegnata a scegliere un pollo arrosto sulla rue Fauxbourg du Temple. Il giovane Mohammed e il Piccolo ed il Nonno Rashid, il più tradizionalista, che aveva imposto la viande Halal nel rispetto dell’igiene e del Profeta. Eccoli riuniti attorno al grande...

doposbornia da bullismo

  Cominciamo dai nomi: “bullismo” e “mobbing in età evolutiva”.Due mostruosità linguistiche. In sincronia con tutti o quasi i fenomeni sociali più attuali, “dizionarizzati”, (già che ci siamo…), dalla lingua giornalistica. Per...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte VI]

Additare col dito di mezzo Questo dito si dimanda medio, perché è posto nel mezo degli altri, & anco medico, perché i Medici l’adoperano à distendere gli unguenti, e anco impudico, perché distendendolo, & raccogliendo l’indice, e l’anellare...

le festival rock des inaperçus français

Hier soir, 6 février, au Glaz’art (7, avenue de la Villette) est commencé le festival rock « Dans la série des inaperçus », dédié à la nouvelle scène musicale française et organisé par plusieurs partenaires et par...

swing, sambuca & raggamuffin

Il y a deux semaines on les a vus au Théâtre de Verre et on les a bien aimés. Ils ont la force propulsive du melting pot. Déjà de la liste des instruments on s’aperçoit que le genre est justement ça : le mélange et l’esprit pour des...

détester le peuple pour en rire

Il y a la cruauté. Et il y a la méchanceté. La cruauté artaudienne nous étonne e frappe pour ouvrir la route d’une nouvelle perception de la réalité, qui peut se réaliser seulement dans l’extraordinaire de la scène théâtrale....