How far is the museum? Beckett al centro Pompidou

scritto venerdì 1 giugno 2007 alle 00:42

pompidou & beckett
photocredits – artMobbing – rk22.com

Sempre più frequente si fa la moda dell’immateriale nei musei; una tendenza inventata dai regimi totalitari come necessità imposta dalla valorizzazione delle culture popolari e che a ha un esempio significativo nel quartiere dell’Eur, lucido esempio razionalista di città della conoscenza.
Col tempo però questa pratica dell’immateriale è stata ripresa dalle tendenze museali più alla moda fino ad informare la realizzazione di molti degli eventi espositivi in tutta Europa.
Quello dedicato a Beckett dal Centre Pompidou fino al 25 giugno fa parte di questo nuovo patrimonio immateriale essendo una mostra, ciò che prevede la visione di oggetti artistici, su un drammaturgo, realizzatore invece di oggetti artistici privi di una specifica solidità in quanto non identificabili direttamente con il supporto cartaceo che li invera.
Ed ecco appunto il paradosso: la cultura dell’immateriale diventa una scusa per l’agile organizzazione di eventi o alibi per chiedere la somma di dieci euro (peraltro al Pompidou non si accettano tessere studenti della UE) per poco aggiungere alla conoscenza del fruitore in una sarabanda di carte illeggibili, video troppo lunghi e non pensati per uso museale, documentazioni ed associazioni fra materie discontinue se non proprio insensate, almeno misteriose.

La mostra su Beckett è esattamente questo: si apre con una rapida carrellata sulle opere degli autori la cui influenza da parte del drammaturgo sembra quasi una ipotesi senza alcun sostegno critico e documentario, si prosegue con una serie di video variamente ispirati alla sua opera, si vede qualche diario e qualche lettera o invito a cena autografo, alcuni brani video realizzati dal drammaturgo o a lui ispirati, qualche intervista e performance radiofonica e si esibisce infine un documentario.
Per fortuna che in questo scialbo accostamento di scaglie beckettiane si ha la possibilità di vedere una raccolta di interviste interessantissime, che mettono in luce molteplici aspetti del lavoro dell’autore irlandese con testimonianze dei protagonisti della felice stagione dell’assurdo: How Far is the Sky?, commissionato dall’IMEC appositamente per l’esposizione alla regista Pascale Bouhénic. Vediamo le immagini di Jude Stéfan, Jean-Philippe Toussaint, Pierre Zaoui, Werner Spies, Jean Martin, Philippe Beck, Pierre Pachet, Françoise Gorog, Tom Bishop, John Calder, Raymond Federman, Hermine Karagheuz, Geneviève Asse, Jean Echenoz.
A voi l’ardua scelta fra il duro cubo di legno da cui guardarlo in loco e la visione del DVD dalla morbidezza domestica della vostra poltrona.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

blu polizia

photocredits artMobbing - RK22 Rue d'Enghien, sede della campagna elettorale di Nicolas Sarkozy,  domenica 22 aprile, primo  turno elettorale alle presidenziali. Nuovi culti dell'immagine: un cordone di poliziotti fa da corridoio per la sfilata di vip in venerazione. Venezia, Cannes,...

rosso bar

photocredits artMobbing - RK22.com2 maggio 2007. Belleville si blocca davanti al rimbalzo mediatico elettorale....

insomniaque

photocredits - artMobbing - rk22.com Questa assenza di sonno Che mi toglie il soffio Che istiga destino a destino E che intasa i polmoni E questa assenza di sogni Che stravolge le mie notti Come all'uscita di una veglia forzata Solstizio ostile Dove il giorno è giorno E dove vorrei che fosse...

ville. accident de language.

photocredits - artMobbing - rk22.com L’interaction avec un espace « vécu », sujet à l’habitude du passage, à l’accumulation des hystérismes collectifs et à la patine du temps et de l’hypnose publicitaire. C’est la ressource des nouvelles formes d’expression métropolitaine qui expriment...

Topografia Berlinese. Pelle.

Sono segni inequivocabili. I segni della guerra. Berlino ha una geografia lineare immensa. Ortografia del massacro, forza semantica e potere significante. Rasa al suolo. Come Dresda. Più di Dresda. Rasa al suolo e poi spaccata in due come una mela. Su un corpo vivo la cui la pelle rinnova lasciando...

Esercizio di memoria. Topografie. [parte I]

Escodallosquatdiruestdenis. Passando per la rue d'echiquier. Raggiungo la rue St. Denis. Appena a sinistra, rue d'Enghien, un capanello. Mi fisso come imbambolato. Sans papier. Striscione nero. Scritte bianche. Rue d'Enghien è una via abbandonata al suo destino. Uno strano misto...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte II]

Quai de la gare. E ci fa talmente freddo in quel momento, che il bavero alzato sembra troppo piccolo. Il vento è una lama tagliente che monta in direzione della station aérienne. Da questo métro non si emerge, si scende. Il vento è talmente forte che non fai neanche in tempo...

sfera

Da dentro la sfera i rumori dell'esterno erano ineffabili. Almeno quando la macchina era a riposo: l'elettricità impiegava appena qualche nanosecondo ad irradiarsi nella spuma bianca che colmava l'involucro trasparente. Benché non potesse più comprenderne la differenza, in quel momento Noel...