tre sorelle senza mezzi toni

scritto giovedì 31 maggio 2007 alle 23:42

trois soeurs
Non avevamo proprio bisogno di questa versione delle Tre sorelle di Čechov proposta dal Théâtre de la Colline dal 22 maggio al 23 giugno.
Non avere bisogno di uno spettacolo: definizione che va rigorosamente applicata a un certo tipo di teatro di cui questa lettura čechoviana di Stéphane Braunschweig è un esempio più che ludico. Nulla non va nello spettacolo: la recitazione è discreta in tutte le parti, la regia piuttosto equa, la durata possibile. Solo la scena, in fondo, è di livello più basso di quello medio, con qualche lapsus di cattivo gusto nelle sedie sfacciatamente IKEA, o nella idea un po’ trita delle inquadrature per punti di vista successivi a dividere i quadri di cui il testo di Čechov si compone in angolazioni di una stessa ricostruzione mentale della casa al centro delle vicende.
La stessa regista, scrive nel quaderno di sala «difficile de se départir de cette sensation que la pièce livre le portrait parfaitement daté d’une société depuis longtemps disparue, comme engloutie par le raz de marée de la modernité et rendue obsolète par l’accélération fulgurante de l’Histoire au XXe siècle» ammettendo così una sconfitta, quasi a giustificare un anacronismo.
Il testo è invece di folgorante attualità: la società rurale è in realtà una società provinciale, e quello che si consuma nella trama è lo scacco al positivismo, tema quanto mai urgente nelle società postmoderne e tecnocratiche di cui siamo parte.
Per fare Čechov bisogna essere russi, del resto: quello che manca qui è la tonalità media, propriamente slava, che maggiormente ha fatto il fascino dello scrittore. Epopea di smacchi e fallimenti, questo dramma si articola su scene, fotografie uscite dal tempo della narrazione, in personaggi trasparenti come meste rivelazioni di un futuro irrealizzabile.
La lenta e lasciva noia delle tre sorelle non ammette esplosioni se non nel breve spazio di un istante e trasforma la malinconia in un male sottile, un fumo, un nefasto magnetismo di cui non si conoscono né ragioni né intenti, sebbene prima o poi arrivi il colpo di pistola risolutivo.
L’esistenza si appiattisce come in una insensatezza sognante che qui è del tutto assente.
La versione che abbiamo visto nel teatro di pl. Gambetta si preoccupa delle motivazioni, delle intenzioni della narrazione, della consequenzialità degli avvenimenti. Ogni dettaglio ed angolo della camera oscura viene illuminato, privando il testo del suo enigma. A dare un colpo di spalla alla sottile magia čechoviana contribuisce anche la nuova traduzione di cui si è avvalsa la Braunschweig, uscita dal pugno di Françoise Morvan e André Markowicz per i quali è risolutiva la preoccupazione per un linguaggio contemporaneo il quale se proprio non pesca dall’argot francese ne riprende alcune frequenze.
Un’uscita dai mezzi toni che vorrebbe farla finita col giudizio di Stanislavskij, ma che poi se ne pente, introducendo qualche timido cinguettìo qua e là (ricordiamo che la regia del Teatro D’Arte era alle orecchie di Checov insopportabilmente colma di brusii e suoni ambientali) e non rendendo infine giustizia al lodevole impegno degli attori, fra cui spicca l’interessante evoluzione di Andrej, interpretato da Sharif Andoura.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

molleindustria: alienazione

Molleindustria è una vecchia conoscenza internettiana. Mi aveva particolarmente divertito con il gioco di strategia in flash d'allure "no-global", tutto dedicato al mcDonald's, in cui lo scopo era far profitti, ed i mezzi per raggiungerli un mix di marketing demagogico e deforestazione. Archiviati...

gelatina & fotoni: ancora arabi [parte II]

Hai solo fumo blu nella testa e nei polmoni. E questa sera in fondo non è neanche troppo dorata. Questa sera è mezza azzurra e mezza blu. Giustamente: come il fumo nella tua mente e la nebbia nelle tue ossa. La sera è blu e quasi fa freddo a pensarci. Che avresti quasi bisogno di un maglione. Ma...

gelatina & fotoni: ancora arabi [parte I]

Questa volta hai proprio esagerato. O è Parigi che ha esagerato. O la televisione. Quella però, a dire il vero, esagera sempre. E quindi non mi trovo a navigare, stavolta, ma mi sto nei miei pensieri. Lo sguardo si chiude dentro al parallelepipedo della scatola ottica.Quadrato di specchi quadrati. Dicono...

minima digitalia

E che succede al mio cerebro Leso Vedi? Alle spalle non ho che fatti Senza senso E mi sto giorno e notte in questa luce Che viene da lontano Nelle trame di una rete Orgia Vanitosa gravità Vanità di Vanità Jusqu'à en perdre le souffle Perché tutto ciò che faccio - I miei fatti Da...

aorta fotografica

la mia macchina ha un fotogramma perverso che mi scava nel cuore una ghiera girevole che auscolta la qualià della luce e grave la rende o greve la mia macchina ha un rayometro che spinge piano ai toni grigi che accende bianchi secchi come morte secchi come foglie morte...

Paul Klee o l’alfabeto nella linea

Roma - «Una linea sogno. Non avevamo mai lasciato sognare una linea, fino a questo momento». È con queste parole che Michaux parlava della pittura di Paul Klee, evocandone a ragione la forza generatrice e sognante. La stessa forza percorre oggi le sale della mostra allestita in memoria del grande...

il ferro e il cemento di Roma [parte I]

Un recente articolo su Italia 2013 intitolato “Roma perde il treno” e firmato da Riccardo Pennisi, è simbolico per ricostruire certo ottuso atteggiamento della sinistra moderata italiana, convinta (Italia 2010) con ostinazione di star sempre dalla parte della ragione. La tesi, esposta per punti...

AIDS: passate col rosso

Visto che l'articolo era lungo e visto che ieri, in occasione della giornata rossa contro l'AIDS nessuno ne ha parlato, credo che sia il momento giusto per rilanciare qui Duesberg, e ricapitolare in qualche punto perché bisogna diffidare della teoria AIDS / HIV. 1. L'AIDS come malattia esiste, non...