Topografia Berlinese. Pelle.

scritto domenica 25 marzo 2007 alle 16:30

muro

Sono segni inequivocabili. I segni della guerra.
Berlino ha una geografia lineare immensa. Ortografia del massacro, forza semantica e potere significante.
Rasa al suolo. Come Dresda. Più di Dresda.
Rasa al suolo e poi spaccata in due come una mela.
Su un corpo vivo la cui la pelle rinnova lasciando dietro di sé la scia del chiarore cellulare la città assorbe e restituisce la sua storia.
Il magnetismo di Berlino è il magnetismo della storia.
Città di guerra al di là del segno esteriore delle mitragliate sulle pareti del Pergamonmuseum.
Città di guerra per il chiarore del marmo nuovo incastrato in quei fori che nel '45 segnarono l'epidermide e la schiena stessa della porta di Brandeburgo.
Segni esteriori più sottili, al di là dello stesso esercizio di memoria a cui volgarmente la città è stata costretta ad esercitarsi, prima con la violenza della frattura del muro e poi con la demagogia di una ginnastica architettonica che evoca l'olocausto così come abbatte il muro per lasciare spazio al Sony Center.
L'asse arrivava fino a Tokio, n'est-ce pas?

Perché costruire una città sullo stesso luogo, si domanda il materialista?
Perché ripristinare edifici e fondamenta, rinsaldare il tessuto strappato della città quando sarebbe più facile trasformare il cumulo di macerie in un enorme mausoleo e spostarsi più a nord o a più sud dello Sprea?
Dimentica, il materialista, che la causa potrebbe essere la pericolosità di una città al crollo, abbandonata. Insediamento di truppe e battaglioni da panorama postatomico. Le moto che sfrecciano sulla polverosa Unter Der Linden.

Il che non sarebbe neanche cosa nuova visto quello che è successo da quelle parti. Parate naziste e squadroni delle SS. La notte dei lunghi coltelli. Le sfilate. Il rogo dei libri. L'entrata dell'imperatore.
E non sarebbe nuovo neanche per il nichilismo che impregna, letteralmente, i muri, le strade, i giovani agli angoli dei metro, quelli agli angoli dello Zoologischer Garten, quelli in nero che bevono vodka e fumano sigarette con facce solenni e mortali.
Le tracce degli anni ottanta. Le tracce dell'est povero e postcivilizzato stanno nei "chiodo" di pelle, negli stivali alti, i jeans stretti alla caviglia. Resta nelle spillette in metallo scritte in cirillico vendute agli angoli delle strade.

Una città risorge sullo stesso punto per conservare un valore simbolico. Istanbul non è mai stata Troia, benché a pochi chilomitri di distanza e con una forza strategica e geopolitica equivalente.
Roma lo sapeva e sparse sale su Cartagine, così da evitare la rinascita dell'essenza politica e bellica di tutta l'africa mediterranea.
Berlino si sviluppa sullo stesso luogo, ancora una volta. Ma la sua ortografia è ancora pericolante. Il verde invade il centro, nella misura in cui il centro odierno è la periferia di due città fuse fra loro.
Due città con un cinquantennio ben differente. Due periferie una faccia all'altra. E per di più in centro.
Berlino: periferia centrale.
Il ricco ovest relegava i tossicodipendenti al suo est, con il Tiegarten come zona cuscinetto piantata fra città e muro.
Logico dal punto di vista bellico.
Ragazzi dello zoo di berlino. Relitti della civiltà occidentale e della deviazione edonistica dell'ovest, sbattuti ad un passo dall'occupazione militare, ad un passo da quella barriera che simbolicamente spaccava Postdamerplatz e – passando per la porta – interrompeva il rapporto di continuità della città con la regione del Brandemburgo.
Ad un passo dal giardino zoologico c'è Charlottensburg. Città residenziale di lunghi autunni berlinesi. Ad est, proprio di fianco al centro storico insediato sull'isola dei musei, terreni vuoti, all'abbandono. Terreni per carri armati e controlli alla frontiera.
A sud est la vita, dura, dell'occupazione socialista. Kreuzberg, trasformato in ritrovo dell'omosessualità berlinese, quartiere verde e decadente.
Mai una svolta in un vicolo. Mai un quartiere che abbia una fine chiara e determinata.
Un continuo sfumare dall'architettura ultramoderna alla periferia. Più periferie.

Berlino è ancora un campo di battaglia.
La seconda guerra mondiale. La guerra fredda. Oggi: la guerra postmoderna al consolidamento di una topografia inedita e che ne faccia la nuova capitale della Germania.
Le gru lavorano ancora su una superficie immensa. Un superficie che contiene laghi e canali e campagne e quartieri sterminati. Nel ring freme la nuova civiltà del vetro e dell'acciaio. La Fernsehturm, invadente e surreale. Punto di orientamento e totem sacro piazzato al centro della distesa di cemento (ancora piena di "Terrains vagues", improbabile nel centro di una qualsiasi altra città) della Alexdanderplatz. Il nuovo Reichstag.
Intanto i vecchi simboli del regime sono lasciati (simbolicamente…) ammuffire: la vecchia zona amministrativa, grigia e razionalista.
Da una parte gli edifici dei ministeri. Giusto davanti filo spinato e reti. Le macchine che percorrono lo stradone.
Il razionalismo, il nichilismo.
Bahuaus della Volksbuhn. Il sogno tecnologico socialista ha investito questo paese per ben due volte, nella storia. Lo si legge e lo si respira in questa città priva di centro. In questa città di rette infinite.
Di prospettive prima che di boulevard.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

5 risposte a “Topografia Berlinese. Pelle.”

  1. materialista scrive:

    Costruire a nord dello Sprea?
    È forse l’illusione che un mausoleo di così efferato ricordo sia monito per umanità, che faccia riflettere gli uomini su dove allora era Dio, e su quanto feroce sia l’animale uomo.
    Ma forse hai ragione, è solo una illusione! Nascondere le rovine e il passato sotto strati di civiltà aiuta a dimenticare.
    Troia Cartagine Berlino sono solo esercizi di memoria.

    IL MATERIALISTA.

  2. maxgiordani scrive:

    Vedo il mio blog nei tuoi preferiti. Grazie davvero! Un saluto

  3. Malingut scrive:

    Anche Albert Speer avrebbe raso al suolo gran parte della città. Per farne il centro dell’umanesimo del terzo millennio…

  4. “Una città di rette infinite”. Una frase che vale un libro su questa città. Non so come sono capitato qui, ma ci tornerò. Spesso.
    Saluti,
    Marcello

  5. artMobbing scrive:

    Grazie per l’apprezzamento, Marcello.
    E speriamo che alle prospettive dell’acciaio l’Europa sappia finalmente associare anche quelle dell’umanesimo.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

Paul Klee o l’alfabeto nella linea

Roma - «Una linea sogno. Non avevamo mai lasciato sognare una linea, fino a questo momento». È con queste parole che Michaux parlava della pittura di Paul Klee, evocandone a ragione la forza generatrice e sognante. La stessa forza percorre oggi le sale della mostra allestita in memoria del grande...

la città senza gatti: chats perchés

Parigi. Il suo romanticismo. Chat Perchés, ultimo documentario per la televisione di Chris Marker è una storia sul tempo e sulla libertà. L'autore ripercorre due anni di vita sociale parigina partendo dalla misteriosa comparsa dei gattini gialli sui muri della capitale francese per fare la storia...

alé hop – cambiamo pelle

Stanco della sua, artmobbing ha deciso di cambiare pelle a paris mushrooms. nella crisi della scrittura, una scusa, quella del disegno e del ghirigoro, per procastinare le parole ed allontanarsi dal foglio (se pure virtuale foglio). Qualcuno è tornato, spesso, forse sgomento per l'assenza...

Per farla finita col giudizio della luce (III)

MANIFESTO ANTI-ILLUMINISTA Illuminismo che agisce - e storicamente ha sempre agito - con la logica della colonizzazione culturale e politica. Uno spirito di esportazione che parte dal preconcetto che la superproduzione sia buona e giusta e che au contraire le culture che per ragioni strettamente storiche...

il sessantotto da uno che nOn c’era [I]

Rispondiamo a internettuale. Con il '68 il processo di omologazione ha avuto una accelerazione esponenziale. Il '68 ha abituato tutti alla moda. Tutti al consumo. Il '68 ha reso più digeribile la disgregazione dell'unità fondamentale delle nostre società, la famiglia; ed ha affermato con maggiore...

Allah, Google, i pescivendoli [I]

La notte ai tre fratelli è stata. Nel senso che è passata. Mi stringo nel saccoletto. E non so dove sta il nord e dove il sud. Anche perché in barba alla persona geografia di Parigi da questa parti quando si va a sud si sale e quando si va a nord si scende. Dice: e allora? Allora nella precipua...

Chi paga il debito? Antonio Rezza per Alberto Grifi

Tanto avventuroso il film della vita di Alberto Grifi quanto tristi i titoli di coda. Domani, giovedì 11 febbraio a Roma, presso l’Alpheus (www.alpheus.it ) Antonio Rezza proporrà il suo “Pitecus” a sostegno dell'inventore del cinema sperimentale in Italia, considerato...

Esercizio di memoria. Topografie. [parte I]

Escodallosquatdiruestdenis. Passando per la rue d'echiquier. Raggiungo la rue St. Denis. Appena a sinistra, rue d'Enghien, un capanello. Mi fisso come imbambolato. Sans papier. Striscione nero. Scritte bianche. Rue d'Enghien è una via abbandonata al suo destino. Uno strano misto...