ueda vs. boubat: umanesimo e ontologia

scritto lunedì 31 marzo 2008 alle 23:23

Dunes, portrait de M. Sohji Yamakawa, 1984
Due eventi colti in extremis, prima della fine prevista per il 30 marzo, alla Maison Européenne de la Photographie.
Due mostre dedicate ad altrettanti autori che in comune hanno la ricerca di una forza poetica “emozionale” nelle loro immagini, ma che sono opposti per metodi ed immaginario.
Da una parte l’essenzialità zen di Shōji Ueda in “Une ligne subtile”, mostra che ha riunito le visioni più conosciute dell’autore giapponese alle opere degli esordi; dall’altra le “Révélations” in movimento di Edouard Boubat, uno dei rappresentanti più significativi della fotografia umanista francese.
Deux petites filles, Paris, France, 1952
La foto è dunque un’emozione, taglio netto di una realtà che il fotografo espone sempre alla selezione decisa di un rettangolo: ma se l’attitudine di Boubat è quella di estrarre la sensazione direttamente dalla riduzione rettangolare di ce qui se passe, Shōji Ueda interviene all’interno del fotogramma, (dunque all’interno del mondo), segnando con un tocco sottile e quasi invisibile l’oggetto del suo sguardo.
L’arma di Boubat è lo scorrere del tempo, che viene colto con efficacia immediata, in una rappresentazione esatta del concetto di istantanea. È una fotografia di memoria, poetica in quanto umana, o meglio, in quanto celebrazione della vita e della singolarità dei volti e dei fatti: egli celebra l’irripetibilità di un momento.
Ueda è invece un architetto di immagine: la realtà per lui è interessante solo se soggetta a manipolazione, solo se la macchina fotografica, strumento di registrazione meccanica, riesce a trasformarsi in quinta scenica trasformando il mondo in teatro di figura. Basta una idea, una folgorazione, e Ueda è in grado di invertire la prospettiva, generare immagini al limite dell’astratto, trasformare tronchi d’albero in pennellate di china, bambini in giganti prepotenti, strade in piramidi di luce, dune di sabbia in yin e yang minimi, objéts trouvés in trouvailles mentali alla Salvador Dalì.
Petits naufragés, 1950
Se la fotografia di Boubat si occupa della dimensione diacronica quella di Ueda adotta la sincronia. Nelle sue immagini, così, il tempo si verticalizza: esiste solo il contemporaneamente, in una pausa – lo scarto dell’occhio che non trova points de repères – in cui l’eterno coesiste col contingente.
E allora oggi, nell’epoca dell’assuefazione all’istantanea ed al reportage, dove il tempo viene descritto in marcia verso un’unica direzione, al seguito insomma delle sorti umane e progressive, si sente maggiormente l’esigenza di una poetica immateriale come quella di Ueda, che (anche lui da un assunto di base umanista) è riuscito a sviluppare una tecnica declinabile all’assoluto dell’Essere. Inventore di una fotografia ontologica.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

5 risposte a “ueda vs. boubat: umanesimo e ontologia”

  1. eradamaichenonlofacevo scrive:

    Toccante ritrovare alcune delle osservazioni che ci siamo scambiati nella visione comune della mostra. Aggiungo soltanto che il filosofo fotografo è forse ancora di più una visione dal futuro, un’arte che deve ancora venire. L’aspettiamo trepidanti, seppur immobili tra le macerie del ground zero dell’umano sentire.

  2. artMobbing scrive:

    eradamaichenonlofacevamo: grazie, anzi, dello spunto ontologico, che ho voluto mettere assieme alla visione del tempo, a mio avviso – come sai – prioritaria nel contemporaneo.
    Riusciremo a rifiutare l’istante?
    Se l’occhio riuscisse ad agire in senso metafisico allora perderemmo la malattia dell’occhio. Che è malattia della percezione, capace di polverizzare la memoria.

  3. eradamaichenonlofacevo scrive:

    ma nelle foto di Ueda l’occhio non c’entra. anche se c’è tutto lo spazio.

  4. artMobbing scrive:

    Caro eradamai…
    quello che dici è vero: l’occhio non c’entra, ma la percezione dello spazio si.
    Eppure la fotografia è uno strumento che ha sempre qualcosa a che vedere con la visione, in quanto replica artificiale dell’occhio.
    L’intuizione geniale (e forse inconsapevole in questa accezione “politica”, come accade nella maggior parte delle invenzioni artistiche) di Ueda è, lo abbiamo detto, lo sguardo metafisico, che mi sento di contrapporre allo sguardo istantaneo, più comune oggi ed artefice della nostra illusione di conoscenza.
    La domanda è allora: è possibile una VISIONE METAFISICA ?
    Storicamente sembra di no: ho cercato di dimostrarlo in un precedente articolo sulla malattia dell’occhio, che credo tu conosca: http://www.rk22.com/?p=215, ma sul quale è sicuramente possibile aggiungere, contribuire, approfondire… contestare.
    Un saluto.

  5. eradamaichenonlofacevo scrive:

    sì ma non dobbiamo dimenticare che nel transfert fotografico l’uomo non è soltanto tramite ma anche principio primo dell’essenza della fotografia. quel motore immobile [a meno che non si voglia fare una foto ben mossa] di odiosa aristotelica memoria. ergo più che chiederci se esiste la visione metafisica dovremmo riportare tutto all’estremocentroalto: l’uomo. e la visione umana è possibile. anzi è.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

parigi. ritorno.

Nel cuore mi avanza il métro Saltare al di là Delle porte - perché Non sarebbe mai stata più uguale Republique O Parigi a Parigi Toi même et les autres Nella fine del mondo più secca e brutale Fine distesa su bordi ineguali...

quando la fine del mondo

Quando la fine del mondo Sarà Un'esigenza improrogabile Mangeremo Chupa chups al miele Ed avremo sguardi ebeti e contriti Dal glucosio Dal rimbalzo della sfera nelle gote Temo già che Non potremo più scoprire Il gusto Del chewing-gum A l'interior...

La maladie de l’œil

Œil, occhio, ojo. Du latin, oculus « organe de la vue », mot qui désigne aussi tout objet en forme circulaire comme les dessins sur la queue d’un paon, les bulbes, les tache sur la peau des animaux et sur les fourrures. L’œil se caractérise linguistiquement surtout avec sa forme, son utilisation...

How far is the museum? Beckett al centro Pompidou

photocredits - artMobbing - rk22.com Sempre più frequente si fa la moda dell’immateriale nei musei; una tendenza inventata dai regimi totalitari come necessità imposta dalla valorizzazione delle culture popolari e che a ha un esempio significativo nel quartiere dell’Eur, lucido esempio razionalista...

Parigi, la Francia, le presidenziali

Nella Francia delle presidenziali, nella Francia delle elezioni sul filo del rasoio, dei dibattiti alla televisione e dell'inizio della politica mediatica (ma con molta più attenzione che dalle nostre parti). Nella Francia dell'indecisione totale, in cui le numerose free press distribuite...

L’Etica. In Politica?!

Sembra sbalorditivo per un italiano, al di là del vizio esterofilo della maggior parte della popolazione del belpaese, che in una nazione di poco vicina il dibattito intellettuale abbia ancora una qualche forma e consistenza e che i suoi riflessi si facciano anche intravvedere sulla stampa,...

il ferro e il cemento di Roma [fine]

Ma veniamo alla seconda premessa dell’articolo di Pennisi, che si riallaccia alla vecchia convinzione che il trasporto sotterraneo sia l’unica ed universale soluzione per la mobilità urbana. L’idea, almeno a Roma, rimonta agli anni ’60, e fu alla base d’una manovra speculativa che assieme...

Le bal retrouvé (dans la ferme)

Ce n’est point un simple endroit où aller danser. Une fabrique à argent non plus. Les bals du collectif Kouzkmienko sont des prises de consciences, ou – si vous préférez - des gestes politiques. Kouzkmienko ! Pour ceux qui ne le savent pas encore, il s’agit là du nom de l’heureuse...