amore, pace e spranghe

scritto lunedì 22 marzo 2010 alle 20:37

peace_blood

Siamo a questo.
Siamo alla violenza democratica.
Virulenta
democrazia.
Siamo a groppuscoli armati di spranghe
o TELEFONETTI.
Perchè se il terrorismo non esiste più, oggi esiste scienza della comunicazione.
Squadrismo degli intelligenti.
La verità ASSOLUTA dell’omologazione.
La verità di chi sta sempre dalla parte della RAGIONE.

Esiste la scuola di marketing.
Esistono tanti piccoli Muccino ed che fanno all’Amore 14.
Violenti di pacifismo.
Violenti di smaglianti sorrisi dietro la faccia del CHE.
CHE guardano da dietro il nero fumé dei rayban.

Mortimarciti

Siamo così.
Siamo a questo.
Come sugli alberi le foglie.

Ma un vomito sporco
li coprirà
col suo tanfo vitale
vincerà contro l’amore per FORZA
o l’amore della FORZA.
Intanto vomito
insieme
a te.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

4 risposte a “amore, pace e spranghe”

  1. IOSONOSTILE scrive:

    bene! una giusta dose di violenza verbale scritta.
    anche se “squadrismo” e “il nero fumé dei rayban” ce piaceno, invece.

  2. nuanda scrive:

    mi chiedo oggi chi siano i fascisti… mi chiedo che fine hanno fatto i comunisti che propagandavano la democrazia, la libertà di parola… oggi il mondo è al rovescio: e preferisco questo lato!

  3. artMobbing scrive:

    @iosonostile
    dimenticavo effettivamente che lo stile rayban caratterizza i “blocchini”.
    Ma per fortuna le questioni di stile non sono ancora questioni di contenuti, come, appunto, per certe ondine rosse
    PIGRE DI TESTA
    E BEN VESTITE
    @Nuanda
    il gioco delle parti si fa difficile.
    personalmente non mi curo delle questioni di PARTE ma di contenuti.
    ed un certo socialismo della prima ora fa di casapound una montagna nella piatta pianura generalizzato delle idee e delle intenzioni.
    TABULA RASA

    intanto ADNkronos riporta una nuova ossimorica aggressione pacifista (23/03/2010 – 14:25)

    Università: Blocco studentesco, due ragazzi aggrediti da 5 militanti di sinistra a Roma Tre

    Polacchi, è una ‘caccia all’uomo’ organizzata per impedirci di fare
    politica Rettore deve intervenire

    Roma, 23 marzo – ”Questa mattina due ragazzi del Blocco studentesco
    sono stati bersaglio dell’aggressione fatta scattare da militanti di
    estrema sinistra nei pressi dell’università Roma Tre”. Lo denuncia il
    Blocco studentesco, che riferisce: ”I due ragazzi si trovavano
    all’interno del parcheggio e si stavano dirigendo al banchetto per la
    raccolta firme organizzato a Lettere in vista delle prossime elezioni
    universitarie, quando sono stati riconosciuti da cinque esponenti dei
    collettivi che li hanno attaccati a colpi di cinta. L’aggressione è
    avvenuta in via Oropa, nei pressi della facoltà di Economia. Uno dei
    due studenti del Blocco studentesco, colpito al volto e alla testa, è
    dovuto ricorrere al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni per
    farsi medicare le ferite”.

    ‘’Quanto accaduto oggi è un fatto gravissimo che arriva, peraltro, a
    una settimana da altre due aggressioni messe in atto dai Collettivi
    nei confronti di nostri militanti – sottolinea Francesco Polacchi,
    responsabile nazionale del Blocco studentesco – Ancora piu’ grave è
    che questi due ragazzi siano stati riconosciuti fuori dall’università
    e non mentre svolgevano attività politica. Una circostanza che
    dimostra come sia in atto una vera e propria ‘caccia al fascista’ che
    presuppone un lavoro di schedatura dei ragazzi che si sono avvicinati
    al Blocco studentesco e una organizzata e costante opera di
    intimidazione per impedire agli studenti ‘non omologati’ di fare
    politica”. ”Per questo – conclude Polacchi – chiediamo al Rettore di
    Roma Tre Guido Fabiani di condannare l’accaduto e gli ricordiamo che è
    suo dovere garantire agli studenti la libertà di espressione e la
    possibilità di concorrere a elezioni democratiche”.

  4. artMobbing scrive:

    Ed ecco una interessante cronaca-epilogo.
    Una volta tanto i fatti rendono giustizia… alla giustizia.

    http://iltempo.ilsole24ore.com/cronaca_locale/roma/2010/03/26/1141716-solitudine_compagni.shtml?refresh_ce

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

a un certo punto della vita dovresti impegnarti seriamente e smettere di fare il ridicolo

Incantevoli gli spazi del Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino. L’ambiente, anche, rilassato. Forte la carica emotiva per le mura ed il luogo che hanno il primato italiano della precoce scoperta di Rodrigo Garcìa. Meno incantevole invece l’evento che hanno ospitato ieri sera e che ospiteranno...

torino

Mia madre è a Torino. Ma in uno schermo diviso a metà. Parliamo dentro un monitor. Lì è già natale. Sentiamo i caroselli da lontano. Entro in una chiesa. E' il tempietto del Bramante. Le luci rubate a Caravaggio. Le sedie sono in cerchio attorno all'altare. Io ed i miei amici ci sediamo...

stammi togethe® (nel caddy?)

Europa o carrello della spesa? Pensa un po'. Mi connetto. Mi connetto e casco sul sito per la salute in Europa. Tutela della salute. Cercavo qualche dato concreto sull'alcoolismo in Francia. (A proposito... C'è un legame fra alcolismo, libertà individuali ed Illuminismo?). E scopro che l'organo...

l’ambiente? una sfida industriale (parte I)

Una sfida rimbalza nel chiacchiericcio congiunto di tutti i media. E' la sfida dell'ambiente. Per cui ci si è improvvisamente accorti che il pianeta sta morendo, che la terra scalda, che il carbonio immesso nell'aria dai duecento anni di luce (elettrica) che ci separano dall'illuminismo, è letale...

inverno invisibile [parte II]

Click. La luce si spegne. Click. Nella stanza buia la termodinamica fa il suo dovere. Il cosmo rallenta e perde via via l'inerzia che gli aveva impresso il calore accecante delle lampade. Click. E l'attrito fra molecole propaga il calore. Dal punto più caldo a quello più freddo....

il sessantotto da uno che nOn c’era [I]

Rispondiamo a internettuale. Con il '68 il processo di omologazione ha avuto una accelerazione esponenziale. Il '68 ha abituato tutti alla moda. Tutti al consumo. Il '68 ha reso più digeribile la disgregazione dell'unità fondamentale delle nostre società, la famiglia; ed ha affermato con maggiore...

terremoto

saluto la mia donna in una mansarda. siamo distesi. Scatto una foto alla sua migliore amica. verso il basso. Giungo in una casa. é di un uomo. La presta a me perché conosco una sua amica. La sua amica arriva. Vivremo insieme. Una sera ho anche un ospite. Una donna. Arriva e non cena, anche se...

guardiamoci dagli umani: il giorno degli zombi

Un manipolo di umani è rinchiuso in un bunker militare, al riparo dalla marea di zombi che ha invaso gli Stati Uniti. "The day of the death" (1985) - "Il giorno degli Zombi", in italiano - è l'ultimo capitolo della trilogia di George Romeo introdotta dai ben più noti "La morte dei morti viventi"...