Per farla finita col giudizio della luce (I)

scritto venerdì 6 luglio 2007 alle 22:13

MANIFESTO ANTI-ILLUMINISTA
copyright www.danieledecarolis.com

Un problema religioso fra oriente ed occidente non esiste.

Finché non ci convinceremo di questo dato elementare il conflitto fra est e ovest e fra nord e sud del mondo non verrà mai riportato alla sua realtà, e cioè ad uno scontro che possiamo agevolmente riconoscere in fenomeni simmetrici e vecchi più o meno cinquecento anni: Colonialismo ed Imperialismo.
Due VIRUS ideologici che più o meno a partire dal 1600 (a ridosso cioè dei primi sintomi della civiltà moderna occidentale) hanno pensato di poter rappresentare il giusto ed il migliore su scala globale, traslando in politica l’idea della prospettiva ottica centrale inventata nel Rinascimento.
Un unico punto di vista. Ed il mondo a girare intorno.

Per di più oggi la religione ha perso il ruolo di “persuasore occulto” che gli si assegnava in certi conflitti dell’antichità. Nel nostro mondo la religione è stata sostituita dai teleschermi, molo meno impegnativi e molto più convincenti di qualsiasi sacerdote instrumentum regni.
Qualche passo insomma da Spinoza in poi è stato fatto, il media è cambiato, il risultato è lo stesso.
Abbiamo inventato un nuovo misticismo laico, fatto di feticci e fantocci fluorescenti, nuova idolatria magnetica, luminescente, virtuale.
Cosa avrebbe pensato Platone dei nuovi simulacri, se alla sua epoca riteneva sufficiente l’arte per un abbandono della verità?
Cos’è il infatti VIRTUALE se non il definitivo allontanamento dalle idee, l’irreversibile abbandono del Iperuranio, mondo delle idee metafisiche?
Il simulacro ha oggi sviluppato una forza di persuasione prima imprevedibile, e nel giro di qualche anno decisamente più capillare.
L’intervento delle nuove tecnologie nella comunicazione aumenta la circolazione della menzogna. E la menzogna diventa vera in modo direttamente proporzionale al numero di bocche che la pronunciano.

Basti un esempio fra tutti, il più scontato. La guerra in Iraq, dove le mai scoperte armi di distruzione di massa – tema centrale di chi era in favore di un attacco a Saddam – si sono trasformate nella bocca stessa di Tony Blair in una vulgata di poco conto, in una informazione sbagliata finita nelle mani dell’intelligence.
Uno dei principali promotori del conflitto iracheno e partner privilegiato degli Stati Uniti nella missione di liberazione del medio oriente smonta la teoria centrale alla base del conflitto, eppure le reazioni politiche a questo dato di fatto sono state nulle.
Nel contemporaneo i fatti non ci consegnano una interpretazione ed una rilettura dei fenomeni del passato. E ben presto con la centralizzazione delle basi dati del sapere a livello globale saremo in grado, come in 1984, di modificare il passato in funzione del presente.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

una risposta a “Per farla finita col giudizio della luce (I)”

  1. [...] Siamo a questo. Siamo alla violenza democratica. Virulenta democrazia. Siamo a groppuscoli armati di spranghe o TELEFONETTI. Perchè se il terrorismo non esiste più, oggi esiste scienza della comunicazione. Squadrismo degli intelligenti. La verità ASSOLUTA dell’omologazione. La verità di chi sta sempre dalla parte della RAGIONE. [...]

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

Per farla finita col giudizio della luce (fine)

MANIFESTO ANTI-ILLUMINISTA Pensiamo al ritratto del biologo Giuseppe Levi in “Lessico famigliare”: preparazione classica, attitudine al linguaggio, sensibilità poetica come doti perdute di una scienza oramai assoggettata al delirio tecnocratico. Kant reagisce ad ogni possibile deriva dell’Illuminismo...

Per farla finita col giudizio della luce (III)

MANIFESTO ANTI-ILLUMINISTA Illuminismo che agisce - e storicamente ha sempre agito - con la logica della colonizzazione culturale e politica. Uno spirito di esportazione che parte dal preconcetto che la superproduzione sia buona e giusta e che au contraire le culture che per ragioni strettamente storiche...

Per farla finita col giudizio della luce (II)

MANIFESTO ANTI-ILLUMINISTA Da un punto di vista strettamente semantico è l’intelligence, la facoltà di “intelligere”, la forza razionale, ad autorizzare il conflitto. Era l’intelligence che lo diceva. L’intelligenza parla. Il corpo risponde. Razionalità a base DISTRUTTRICE e nucleare...

amore, pace e spranghe

Siamo a questo. Siamo alla violenza democratica. Virulenta democrazia. Siamo a groppuscoli armati di spranghe o TELEFONETTI. Perchè se il terrorismo non esiste più, oggi esiste scienza della comunicazione. Squadrismo degli intelligenti. La verità ASSOLUTA dell'omologazione. La verità...

Per farla finita col giudizio della luce (IV)

MANIFESTO ANTI-ILLUMINISTA «Il protestantesimo, la dottrina che, con la sua mitizzazione del lavoro e la redenzione attraverso di esso, è stata un propellente decisivo del decollo industriale, e che oggi è la dominante dei Paesi guida dell’attuale modello di sviluppo (in particolare negli Stati...

minima digitalia

E che succede al mio cerebro Leso Vedi? Alle spalle non ho che fatti Senza senso E mi sto giorno e notte in questa luce Che viene da lontano Nelle trame di una rete Orgia Vanitosa gravità Vanità di Vanità Jusqu'à en perdre le souffle Perché tutto ciò che faccio - I miei fatti Da...

il sessantotto da uno che nOn c’era [III]

E c’è anche il mito della strada, nel racconto appassionato di Giuseppe Spezzaferro sul Sessantotto. Un mito che tocca le corde profonde delle ambiguità che si celano dietro alla stagione della fantasia al potere. Sulla strada: il sacco a pelo e la motocicletta verso il tramonto, a seguire la...

tre sorelle senza mezzi toni

Non avevamo proprio bisogno di questa versione delle Tre sorelle di Čechov proposta dal Théâtre de la Colline dal 22 maggio al 23 giugno. Non avere bisogno di uno spettacolo: definizione che va rigorosamente applicata a un certo tipo di teatro di cui questa lettura čechoviana di Stéphane Braunschweig...