guardiamoci dagli umani: il giorno degli zombi

scritto lunedì 9 novembre 2009 alle 10:46


Un manipolo di umani è rinchiuso in un bunker militare, al riparo dalla marea di zombi che ha invaso gli Stati Uniti.
“The day of the death” (1985) – “Il giorno degli Zombi”, in italiano – è l’ultimo capitolo della trilogia di George Romeo introdotta dai ben più noti “La morte dei morti viventi” (1968) e “Zombi” (1978).
Al centro della trama – girata con estetica rigorosa, ai limiti della video-arte, con immagini di rara e possente visionarietà – v’è il luogo letterario dell’assedio.
Mentre alla luce del sole gli USA sono ormai sotto il controllo dei non-morti, nell’ombra delle barricate e i sacchi di sabbia della caserma, gli ultimi sopravvissuti ingaggiano una lotta all’ultimo sangue per la vita.
Ma gradualmente il nemico numero uno non sono più gli zombi, che anzi, si fanno quasi innocui, ma i membri del gruppo, sempre più coinvolti da una spirale di follia e violenza.
Eccoli, allora, gli esseri umani, divisi fra scienziati e militari, fra logica disumana e violenza assoluta.
I primi sono diretti dal dottor Logan, folle e nevrotico dott. Frankenstein, che investe tutte le sue risorse nell’allucinata ricerca di schemi logici e sociali nel comportamento dei morti viventi. Le speranze di salvezza del gruppo sono così affidate al delirio d’onnipotenza di una scienza che smonta e rimonta cadaveri e che mette in scena sinistre conversazioni famigliari per educare all’uso della pistola lo zombi “Bub”, nutrito a piene secchiate delle viscere degli umani caduti.
Dall’altro lato della barricata troviamo il Capitano Rhodes, militare violento ed accecato dal potere, che minaccia tutti con la pistola e che innesca una catena di violenza incontrollabile in cui il gruppo è costretto alla prova estrema della morte per linciaggio reciproco.
In questo mondo pericoloso e crudele, dove il lato oscuro dell’uomo si esprime con sudicia e raccapricciante violenza, troviamo Sara, unica donna del gruppo, continuamente esposta al rischio della violenza carnale e per sua fortuna spalleggiata da due outsider: l’elicotterista John ed il tecnico radio suo compare, con i quali riuscirà infine a prendere il volo, in una fuga disperata dall’umanità e dai suoi sottoprodotti.
In questo splatter mozzafiato, in cui i dialoghi sono a tratti più importati dell’azione, gli esseri subumani sono ancora una volta per Romero la ghiotta occasione per attivare un corollario di metafore sulla società.
Dalla violenza codarda dell’esercito, che si eccita infierendo con sadismo sui morti viventi e poi sugli esseri umani, ad una scienza che fa lo stesso mescolando cadaveri in pezzi, ed ottenendo uno Zombi capace d’un amore rozzo e bestiale. E si arriva infine alla critica della civiltà americana e della sua tensione all’accumulo, di beni ed informazioni, resa vana dalla catastrofe della distruzione globale.

Sigillati nelle grotte, gli ultimi umani superstiti siedono su una pila di documenti dove sono registrati tutti i rischi per la sicurezza nazionale americana, dalla catastrofe naturale all’attentato.
L’ordine mondiale reganiano, la strategia della sicurezza totale e globale è inesorabilmente vano.
E neanche la lucida razionalità di Sarah servirà a dare un senso a questo lungo elenco di eventi, che nessuno, ci dice John, si degnerà mai più di leggere.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

Esercizio di memoria. Topografie. [parte II]

Sans papier. E davanti un plotone di esecuzione in blu cobalto. Manifestazione contro gli Interni (stavolta non c'è ambiguità) di un manipolo di bobo con qualche immigrato nel mezzo. Una donna che rumoreggia al telefono cellulare e che ha tutta l'aria di essere una delegata del...

Allah, Google, i pescivendoli [III]

Avresti sbarrato gli occhi, per dio. Anzi, avresti fatto tremare tutto il tuo silicio nonspirituale. Avresti visto schiene. Centinaia, migliaia, di schiene. Poissonniers, poilonceau, richehomme, myrha. Tutte occupate. Quelle che montano, come richehomme, sono impercorribili. La carreggiata è...

Spencer Tunick: foto o performance?

Video: leparisien.fr Le foto di Spencer Tunick non sono particolamente interessanti da un punto di vista tecnico. La qualità di questo straordinario artista risiede suprattutto nell'istinto teatrale necessario al controllo delle enormi masse di persone che docilmente si prestano alle sue performance,...

insomniaque

photocredits - artMobbing - rk22.com Questa assenza di sonno Che mi toglie il soffio Che istiga destino a destino E che intasa i polmoni E questa assenza di sogni Che stravolge le mie notti Come all'uscita di una veglia forzata Solstizio ostile Dove il giorno è giorno E dove vorrei che fosse...

l’ambiente? una sfida industriale (parte III)

Ed allora l'emergenza ambientale, in questo sistema che tutto ingloba e tutto rende complementare a sé, è una sfida industriale. NON ne va della sopravvivenza degli abitanti del mediterraneo o della Birmania, NO, ne va soprattutto della resistenza dell'industria e della conservazione (e dell'ampliamento)...

nel verde

Come spettri nell'alto bosco di pini. Le ombre si aggirano. E non sono amici. E non si riconoscono se non nei i passi, e in una forza arcana. Luce postatomica. Luce alta sopra l'alto delle cime. Verde oceano di chiarore. Sabbia e muschio. Come spettri si incontrano. Schiera silenziosa di dormienti....

molleindustria: alienazione

Molleindustria è una vecchia conoscenza internettiana. Mi aveva particolarmente divertito con il gioco di strategia in flash d'allure "no-global", tutto dedicato al mcDonald's, in cui lo scopo era far profitti, ed i mezzi per raggiungerli un mix di marketing demagogico e deforestazione. Archiviati...

Esercizio di memoria. Topografie. [parte I]

Escodallosquatdiruestdenis. Passando per la rue d'echiquier. Raggiungo la rue St. Denis. Appena a sinistra, rue d'Enghien, un capanello. Mi fisso come imbambolato. Sans papier. Striscione nero. Scritte bianche. Rue d'Enghien è una via abbandonata al suo destino. Uno strano misto...