un sole irreale

scritto martedì 21 novembre 2006 alle 17:04

skyline

E Parigi ai nostri occhi
Ha regalato un sole irreale
Oltre la cortina
Che questo freddo impregna
Di strato
Distratto
E Parigi sotterra ci ha benedetto
E ancora non so
Se benevola è
questa musa
O mortale
Quanto tenera e scempia
Quanto
affamata e brutale

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

ossa

Lavato al sole E le mie ossa Ho raccolto dalla                         POUBELLE                        ...

Allah, Google, i pescivendoli [I]

La notte ai tre fratelli è stata. Nel senso che è passata. Mi stringo nel saccoletto. E non so dove sta il nord e dove il sud. Anche perché in barba alla persona geografia di Parigi da questa parti quando si va a sud si sale e quando si va a nord si scende. Dice: e allora? Allora nella precipua...

Allah, Google, i pescivendoli [II]

Alle 13.30 però Parigi me la dimentico per davvero. Dimentico tutto, anzi. E mi pare di affondare in un sogno magnetico. Vedo tutto dietro una lente di plastica. La luce parassita entra in un istante e solca lo sguardo di taglio. Lunghe righe convesse tracciano la superficie umida delle mie iridi. Bagliori. Mi...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte I]

Puntava dritto a sud nella lunga curva della linea 6. Ammorbidiva la traiettoria verso ovest. Lunga curva sinuosa. Piazza Italia. Direzione Charles de Gaulle. Giacca nera. Velluto e bavero alzato. Rital di merda. Giacca nera, bavero alzato, mani in tasca. Mattina neragrigiocrema. Velo lieve sulle teste....

parigi. ritorno.

Nel cuore mi avanza il métro Saltare al di là Delle porte - perché Non sarebbe mai stata più uguale Republique O Parigi a Parigi Toi même et les autres Nella fine del mondo più secca e brutale Fine distesa su bordi ineguali...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte IV]

Eppure dalla foschia seminutturna del freddo dell'esplanade al sotterraneo rez-de-jardin moquetterossapassofelpato una qualche differenza c'era. Nel golfo mistico delle logge. Chiuso nella scatola con la lettera Y. Appena in grado di percepire il defilare dei piedi lungo il corridoio. Lungo...

kosovo

Bevevi sigarette Aguardiente fumavi di colonie francesi di colonia scadente Uomo cattivo di Kosovo Occhi gialli, Marroni al bordo Marroni gli occhiali Ed i denti ed il loro sorriso E le tue liste nere Infinite Di galere Di kosovo...

inverno invisibile [ultimo]

Ed ecco allora la stonata camminata per la rue st. Denis. Passando nel falso gelo del falso inverno della grande piazza. E del grande boulevard. Un passaggio distratto sotto l'arco. Un pensiero lontano alla confraternita della Passione. E alla passione e alla stretta del vuoto che attanaglia la gente.che...