Lifta, Israele: dell’architettura e di altre questioni di valori

scritto giovedì 11 febbraio 2010 alle 13:52


Visualizzazione ingrandita della mappa
La colonizzazione non si fa solo con le armi, ma anche a colpi di cemento.
E non solo di cemento dozzinale e bunker, ma a colpi, pure, di cemento pregiato e modellato dall’inventiva e dal disegno computerizzato. L’architettura è strumento di invenzione e manipolazione dello spazio che comporta sempre in sé un’ideologia.
Ridisegnare lo spazio vuol dire attribuirgli alcuni valori e privarlo di certi altri.
Oggi si fa un gran parlare “dell’europeità” di Israele: anche al di fuori del dibattito politico e mediatico, mi capita sempre più spesso, di sentir dire della bellezza metropolitana di Tel Aviv.
È un fatto che merita attenzione per valutare l’orientamento dei nostri valori.
Se oggi un europeo può percepire Israele come prossimo alla sua identità è perché esso è il frutto di un processo di colonizzazione alla maniera europea, che ha seguito le regole economiche, militari e culturali inventate a beneficio di tutto un sistema ideologico ed industriale che, volenti o nolenti, ormai ci rappresenta.
Ed eccola la nuova costellazione metropolitana israeliana fatta di Architettura e Urbanistica, a tracciare frontiere culturali verso nord, giacché col proprio sud Israele fa fatica a discutere.
Ultimo caso, la città di Holon, che ha appena aperto il suo museo del Design, una imponente struttura in fasce d’acciaio progettata da Ron Arad Associates.
Holon apre il museo del Design, Roma il Maxxi, Parigi la città della moda… La comunanza di desideri ed ambizioni è comunanza di idee. Ed i desideri e le ambizioni sono nei “paesi industrializzati” le leggi della moda, del consumo, della comunicazione pubblicitaria.

maquette del progetto di Ron Arad per Holon

maquette del progetto di Ron Arad per Holon


Lo dice a chiare lettere anche Galit Gaon, direttrice creativa del museo israeliano: la struttura è in sé un grande oggetto di design, il cui compito non è solo quello di contenere oggetti belli, ma « stimolare le industrie del paese a usare i designer, a capire che il design è parte fondamentale del processo di ricerca e sviluppo e che non è solo una questione di cosmetica finale del prodotto. » ( “Magazine dell’architettura”, anno 4,n°27 gennaio 2010).
Ribadire insomma l’inversione o l’annullamento del contenuto in favore della forma, che si registra nelle civiltà post-industriali.
La struttura di Ron Arad deve fare un effetto straordinario.
E forse farà un effetto straordinario anche sapere che ad appena sessanta km di distanza, vicinissimo a Gerusalemme c’è un villaggio, Lifta, che rimane un esempio unico di architettura tradizionale palestinese. Praticamente intatto da almeno il XVI secolo, si pensa che la sua fondazione rimonti a tempi di Nephtoah. Lifta fu abbandonato nella 1948 a seguito degli episodi di pulizia etnica da parte di Haganah.
Attualmente parte di un parco, la municipalità vuole oggi radere al suolo Lifta, sostituendogli una lussuosa rivalorizzazione, forse proprio ispirata ai moderni principi del design.

La petizione in linea
La sua traduzione in italiano
Reinventing Lifta: un articolo dettagliato su cosa riserva il futuro al villaggio di Lifta

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

una risposta a “Lifta, Israele: dell’architettura e di altre questioni di valori”

  1. artMobbing scrive:

    medarabnews ha pubblicato una serie di interessanti articoli sulla questione USA Israele.
    Lettura caldamente consigliata.
    http://www.medarabnews.com/category/il-braccio-di-ferro-tra-stati-uniti-e-israele/

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

Per farla finita col giudizio della luce (III)

MANIFESTO ANTI-ILLUMINISTA Illuminismo che agisce - e storicamente ha sempre agito - con la logica della colonizzazione culturale e politica. Uno spirito di esportazione che parte dal preconcetto che la superproduzione sia buona e giusta e che au contraire le culture che per ragioni strettamente storiche...

Parigi, la Francia, le presidenziali

Nella Francia delle presidenziali, nella Francia delle elezioni sul filo del rasoio, dei dibattiti alla televisione e dell'inizio della politica mediatica (ma con molta più attenzione che dalle nostre parti). Nella Francia dell'indecisione totale, in cui le numerose free press distribuite...

L’Etica. In Politica?!

Sembra sbalorditivo per un italiano, al di là del vizio esterofilo della maggior parte della popolazione del belpaese, che in una nazione di poco vicina il dibattito intellettuale abbia ancora una qualche forma e consistenza e che i suoi riflessi si facciano anche intravvedere sulla stampa,...

Luci ed ombre di un’educazione siberiana

Educazione siberiana è l’appellativo che le popolazioni della Transnistria davano agli Urca. È difficile, forse impossibile, mettere a fuoco la situazione “etnica” di questa regione secessionista ad est della Moldavia, autoproclamatasi indipendente nel 1990, ma riconosciuta solo da due altrettanto...

Topografia Berlinese. Pelle.

Sono segni inequivocabili. I segni della guerra. Berlino ha una geografia lineare immensa. Ortografia del massacro, forza semantica e potere significante. Rasa al suolo. Come Dresda. Più di Dresda. Rasa al suolo e poi spaccata in due come una mela. Su un corpo vivo la cui la pelle rinnova lasciando...

inverno invisibile [parte I]

In quel momento un grappolo di molecole rallentava il suo moto oscillatorio casuale. Anzi accelerava. Anzi si innalzava in colonna verso l'alto. Anzi. Pioveva come una tepesta solare fra le maglie di ghisa del radiatore ad olio e ne veniva immediatamente sparata via. Lontano come la palla di Joe...

blu polizia

photocredits artMobbing - RK22 Rue d'Enghien, sede della campagna elettorale di Nicolas Sarkozy,  domenica 22 aprile, primo  turno elettorale alle presidenziali. Nuovi culti dell'immagine: un cordone di poliziotti fa da corridoio per la sfilata di vip in venerazione. Venezia, Cannes,...

il sessantotto da uno che nOn c’era [III]

E c’è anche il mito della strada, nel racconto appassionato di Giuseppe Spezzaferro sul Sessantotto. Un mito che tocca le corde profonde delle ambiguità che si celano dietro alla stagione della fantasia al potere. Sulla strada: il sacco a pelo e la motocicletta verso il tramonto, a seguire la...