Per farla finita col giudizio della luce (III)

scritto mercoledì 11 luglio 2007 alle 02:07

MANIFESTO ANTI-ILLUMINISTA
distruzione - fase III - copyright Daniele De Carolis www.danieledecarolis.com
Illuminismo che agisce – e storicamente ha sempre agito – con la logica della colonizzazione culturale e politica. Uno spirito di esportazione che parte dal preconcetto che la superproduzione sia buona e giusta e che au contraire le culture che per ragioni strettamente storiche non hanno raggiunto il nostro stesso livello di sviluppo siano di qualità inferiore.
Ecco allora le teorie del neo(con)evangelismo statunitense che associa alla diffusione del cristianesimo lo sviluppo e la prosperità sociale (ipotesi largamente condivisa anche in certi ambienti “laici” ebraici).

Ovunque piombi, lo schema mentale illuminista impone la sua logica idiota. Il bianco ed il nero. Le scatole, le classificazioni.
Un caso esemplare è nel pensiero ebraico del secondo Novecento.
Al di là di quello che comunemente si creda, infatti, se esiste una “questione ebraica” al mondo, essa è stata ampiamente sollecitata non dall’ortodossia religiosa ma dalla corrente razionalista, tecnocratica, illuministica del pensiero ebraico contemporaneo: il movimento sionista.
E del resto furono proprio gli ortodossi ebrei a sollevare le perplessità maggiori alla nascita del movimento politico finanziato dai Rothschild.
Apparentemente, infatti, (ma qualcuno potrebbe dare diversi lumi) per l’ebraismo ortodosso il regno di Israele si ristabilirà all’arrivo del Messia e nulla si può fare – se non adempiere ai doveri religiosi – fintanto che questi non sia giunto.
In questo caso l’ortodossia è molto più pacifica del suo speculare illuminista.

Ed ancora, nella Francia odierna, la decisione laica ed Illuminista di evitare qualsiasi segno religioso nelle strutture pubbliche rappresenta l’ennesimo scarico di responsabilità rispetto al riconoscimento delle differenze.
Dire infatti che nessuno può indossare i segni della propria religione all’interno delle strutture pubbliche ed educative dello stato laico vuol dire infatti aggirare una necessaria e problematica educazione alla differenza.
Se la libertà può essere possibile soltanto nel riconoscimento delle differenze come può pretendere di educarci alla libertà un pensiero che ha paura della compresenza delle differenze?
In altri termini: la cancellazione di qualsivoglia segno di differenza religiosa in seno alla scuola è tutto il contrario di una sana educazione alla diversità. È un igiene del pensiero. E ricordiamoci che nella medicina occidentale si pensa di curare il male eliminando una causa esteriore (o, peggio, una conseguenza) creando spesso molti più disturbi al paziente di quanti non siano i giovamenti.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

Per farla finita col giudizio della luce (fine)

MANIFESTO ANTI-ILLUMINISTA Pensiamo al ritratto del biologo Giuseppe Levi in “Lessico famigliare”: preparazione classica, attitudine al linguaggio, sensibilità poetica come doti perdute di una scienza oramai assoggettata al delirio tecnocratico. Kant reagisce ad ogni possibile deriva dell’Illuminismo...

Per farla finita col giudizio della luce (II)

MANIFESTO ANTI-ILLUMINISTA Da un punto di vista strettamente semantico è l’intelligence, la facoltà di “intelligere”, la forza razionale, ad autorizzare il conflitto. Era l’intelligence che lo diceva. L’intelligenza parla. Il corpo risponde. Razionalità a base DISTRUTTRICE e nucleare...

Per farla finita col giudizio della luce (IV)

MANIFESTO ANTI-ILLUMINISTA «Il protestantesimo, la dottrina che, con la sua mitizzazione del lavoro e la redenzione attraverso di esso, è stata un propellente decisivo del decollo industriale, e che oggi è la dominante dei Paesi guida dell’attuale modello di sviluppo (in particolare negli Stati...

Per farla finita col giudizio della luce (I)

MANIFESTO ANTI-ILLUMINISTA Un problema religioso fra oriente ed occidente non esiste. Finché non ci convinceremo di questo dato elementare il conflitto fra est e ovest e fra nord e sud del mondo non verrà mai riportato alla sua realtà, e cioè ad uno scontro che possiamo agevolmente riconoscere...

amore, pace e spranghe

Siamo a questo. Siamo alla violenza democratica. Virulenta democrazia. Siamo a groppuscoli armati di spranghe o TELEFONETTI. Perchè se il terrorismo non esiste più, oggi esiste scienza della comunicazione. Squadrismo degli intelligenti. La verità ASSOLUTA dell'omologazione. La verità...

stammi togethe® (nel caddy?)

Europa o carrello della spesa? Pensa un po'. Mi connetto. Mi connetto e casco sul sito per la salute in Europa. Tutela della salute. Cercavo qualche dato concreto sull'alcoolismo in Francia. (A proposito... C'è un legame fra alcolismo, libertà individuali ed Illuminismo?). E scopro che l'organo...

tre sorelle senza mezzi toni

Non avevamo proprio bisogno di questa versione delle Tre sorelle di Čechov proposta dal Théâtre de la Colline dal 22 maggio al 23 giugno. Non avere bisogno di uno spettacolo: definizione che va rigorosamente applicata a un certo tipo di teatro di cui questa lettura čechoviana di Stéphane Braunschweig...

hey girl! l’avvento del verbo, la tragedia del corpo

  Dalla nascita all’incisione di miliardi di bit nel cervello. Dal biologico al freddo asettico della tecnologia. È un viaggio nella storia sensuale dell’uomo “Hey girl!”, ultima fatica del geniale Romeo Castellucci e della sua Socìetas Raffaello Sanzio, vista all’Atelier Berthier del...