fuoco acqua ombra e studio azzurro

scritto venerdì 23 febbraio 2007 alle 10:24

fuoco acqua ombra

Lo Studio Azzurro – celebre fucina di idee ed invenzioni multimediali, protagonista sulla scena internazionale della videoarte – adatta il proprio linguaggio ad uno spettacolo teatrale: Il fuoco, l’acqua, l’ombra, la danza e la natura nelle immagini di Tarkovskij. Si tratta di un lavoro a metà fra teatro-danza e teatro-immagine, in cui Tarkovskij è colto nelle sue suggestioni naturalistiche, al di fuori dalle tematiche generazionali sulla contemporaneità: un perfetto equilibrio fra estetica e suggestione; aggiunta di “vita biologica” alle proiezioni dello Studio Azzurro.
Un’opera poeticamente descrittiva, interamente costruita sull’interazione dei quattro danzatori con le immagini di elementi e natura in continuo divenire. L’impatto complessivo è unico: le videoproiezioni sono tridimensionalizzate dal corpo umano, che nel loro contesto si muove, talvolta con garbo talvolta con violenza, in un continuo impatto suggestivo, spesso accompagnato da parole, anch’esse proiettate. Si instaura così, un rapporto forte fra palco, immagini e danzatori, che fanno parte di un’opera totale, non di rado al di fuori del palcoscenico.
La poesia di questo spettacolo è costruita su una tecnica maniacale, che mette in luce la competenza dello Studio Azzurro in fatto di coerenza linguistica: gli attori/danzatori sono in perfetta coordinazione con i tecnici delle luci (in questo caso proiezioni), al punto tale che l’interazione assume caratteri di realismo e straniamento ad un tempo. Le stesse scenografie (elemento centrale dello spettacolo, ammesso che in un unicum esistano elementi centrali), evidenziano la capacità degli artisti dello Studio Azzurro di generare un impatto emotivo nel fruitore dell’opera d’arte.
In questo spettacolo il teatro diventa arte figurativa, immagine, rimettendo in gioco alcune delle riflessioni contemporanee più significative a proposito del senso delle avanguardie estetiche sul palco.

(visto in marzo 2000) 

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

DDANG: da-lì-a-qua è acqua

E’ stata appena inaugurata negli spazi del chiostro Agostiniano all’archivio storico di Bracciano l’esposizione multidisciplinare DDANG, iniziativa dedicata alla scomparsa di un giovane artista braccianese, Damiano De Angelis, organizzata dall’associazione culturale Freespirit e promossa anche...

oceanofiume

Nel nero dell'acqua. Corale, ancora. Nuotare, ancora. All'infinito. All'esterno. Fino a che l'acqua non chiami altra acqua. Stavolta dolce. Quando sulle labbra ancora si articola un abbecedario salino. Acqua di fiume, insomma. Popolata di una foresta scura di alghe. Marrone secco. Marrone autunno. Ed...

il sessantotto da uno che nOn c’era [II]

È davvero un progetto ambizioso, quello di Giuseppe Spezzaferro, scrivere una storia del Sessantotto dalla parte di chi c’era davvero per “farci entrare dentro chi non c’era”: segno di una urgenza, che sottolinea quanto sia importante oggi una riflessione sul movimento studentesco lontana...

ode alla pillola nella festa della mamma (o giù di lì)

Non c'è migliore occasione della festa della mamma per festeggiare una pillola che impedisce... di esser mamme. A ricordare l'anniversario un interessante articolo di Nancy Gibbs comparso sul Time - ed uscito nel numero di Internazionale di questa settimana - che ripercorre la storia di quello che...

hey girl! l’avvento del verbo, la tragedia del corpo

  Dalla nascita all’incisione di miliardi di bit nel cervello. Dal biologico al freddo asettico della tecnologia. È un viaggio nella storia sensuale dell’uomo “Hey girl!”, ultima fatica del geniale Romeo Castellucci e della sua Socìetas Raffaello Sanzio, vista all’Atelier Berthier del...

a un certo punto della vita dovresti impegnarti seriamente e smettere di fare il ridicolo

Incantevoli gli spazi del Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino. L’ambiente, anche, rilassato. Forte la carica emotiva per le mura ed il luogo che hanno il primato italiano della precoce scoperta di Rodrigo Garcìa. Meno incantevole invece l’evento che hanno ospitato ieri sera e che ospiteranno...

due mesi

ed al terzo sarà lutto E' fatica scrivere come un anonimato come sogno lontano come meccanica che non si avvera (ruota all'incastro) come anestesia ...o acqua per il cranio ...o per il cemento come forzatura che dovresti echenonpuoi perché...

artaud: la vita crudele

Anche una biblioteca può mettersi in mostra ed aprire i suoi preziosi forzieri al pubblico dei non addetti ai lavori. Se poi la biblioteca in questione è la nazionale di Parigi, allora i tesori in questione sono sorprendenti. E’ il caso della mostra su Antonin Artaud che occupa in questi giorni...