Esercizio di memoria. Topografie. [parte II]

scritto venerdì 9 febbraio 2007 alle 11:04

Sans papier. E davanti un plotone di esecuzione in blu cobalto.
Manifestazione contro gli Interni (stavolta non c'è ambiguità) di un manipolo di bobo con qualche immigrato nel mezzo.
Una donna che rumoreggia al telefono cellulare e che ha tutta l'aria di essere una delegata del ministero, per come prende seriamente tutta la faccenda.
Un uomo con le scarpe a punta e la camicia svasata (chez celio puoi scegliere fra tre tagli della stessa camicia, a seconda se sei trendy o grasso) che dice "qui c'è materiale per un fondo graffiante".
Una donna grassa che grida "da qui non ci muoviamo". Intanto i sans papier veri tagliano il capanello di curiosi, completamente alcoolizzati. Completamente disinteressati.
Gli unici a stare fermi ed impassibili sono i flics. Che chiedono i documenti a chi entra in strada per andarsene a casa. E che filmano tutti e tutti. Con ben due macchine da presa assai "smart", per la verità.
In stato di occupazione militare non c'è legge sulla privacy che tenga.
Con la barba lunga ed i capelli corti si fermeranno forse un istante di più sui fotogrammi che mi riguardano.

Potere significante, appunto, piazzarsi al centro di Parigi, fra gli alcoolizzati e le puttane. Ma anche potere ambiguo del linguaggio, si potrebbe dire con un certo compiacimento.
Sarkozy stavolta è vittima del segno: la presenza in quella zona precisa (non la Defense, non il XV arrondissement, non il…) è un segno esteriore di solidarietà.
In realtà si tratta di una occupazione militare, che mette in chiaro, utilizzando più o meno volontariamente il codice semantico della guerra, un preciso atteggiamento mentale della destra francese.
Ottenere tutto. Ed ottenerlo per forza.
Intervenire con la presenza poliziesca solo quando il leader sbarca nella terra da colonizzare.
Al di là delle libertà personali.
Al di là dei diritti del cittadino.
In un gran fracasso di polizia e buone intenzioni.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

Esercizio di memoria. Topografie. [parte I]

Escodallosquatdiruestdenis. Passando per la rue d'echiquier. Raggiungo la rue St. Denis. Appena a sinistra, rue d'Enghien, un capanello. Mi fisso come imbambolato. Sans papier. Striscione nero. Scritte bianche. Rue d'Enghien è una via abbandonata al suo destino. Uno strano misto...

oceanofiume

Nel nero dell'acqua. Corale, ancora. Nuotare, ancora. All'infinito. All'esterno. Fino a che l'acqua non chiami altra acqua. Stavolta dolce. Quando sulle labbra ancora si articola un abbecedario salino. Acqua di fiume, insomma. Popolata di una foresta scura di alghe. Marrone secco. Marrone autunno. Ed...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte I]

Puntava dritto a sud nella lunga curva della linea 6. Ammorbidiva la traiettoria verso ovest. Lunga curva sinuosa. Piazza Italia. Direzione Charles de Gaulle. Giacca nera. Velluto e bavero alzato. Rital di merda. Giacca nera, bavero alzato, mani in tasca. Mattina neragrigiocrema. Velo lieve sulle teste....

carrefour o ambasciata di francia?

Qualche settimana fa in Cina si è protestato davanti ai Carrefour. La ragione della protesta tutti la sanno: la Francia non avrebbe fatto abbastanza per salvare la fiamma Olimpica al suo passaggio a Parigi. In più, i parigini sarebbero rei d'avere concesso la cittadinanza onoraria al Dalai Lama. Tutti...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte IV]

Eppure dalla foschia seminutturna del freddo dell'esplanade al sotterraneo rez-de-jardin moquetterossapassofelpato una qualche differenza c'era. Nel golfo mistico delle logge. Chiuso nella scatola con la lettera Y. Appena in grado di percepire il defilare dei piedi lungo il corridoio. Lungo...

rosso bar

photocredits artMobbing - RK22.com2 maggio 2007. Belleville si blocca davanti al rimbalzo mediatico elettorale....

gelatina & fotoni: ancora arabi [parte I]

Questa volta hai proprio esagerato. O è Parigi che ha esagerato. O la televisione. Quella però, a dire il vero, esagera sempre. E quindi non mi trovo a navigare, stavolta, ma mi sto nei miei pensieri. Lo sguardo si chiude dentro al parallelepipedo della scatola ottica.Quadrato di specchi quadrati. Dicono...

terremoto

saluto la mia donna in una mansarda. siamo distesi. Scatto una foto alla sua migliore amica. verso il basso. Giungo in una casa. é di un uomo. La presta a me perché conosco una sua amica. La sua amica arriva. Vivremo insieme. Una sera ho anche un ospite. Una donna. Arriva e non cena, anche se...