Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte V]

scritto venerdì 9 marzo 2007 alle 16:42

Coprirsi la testa con le mani, ò con la veste
Toccarsi il capo
Braccio alzato
Alzar la mano in atto di offesa
Minacciar con l’indice

Il gesto della cicogna
Questo era un gesto di scherno, che si faceua dietro ad alcuno, ponendo la punta del dito indice sopra la sommità del pollice, tenendo l’altre dita raccolte, in forma del becco della cicogna, con spesso mouimento del braccio, e della mano imitando quel gesto che col suo collo è dalla cicogna fatto, in modo di percuotere con la mano nella parte inferiore. Persio dice che Giano erà felice, perché auendo due faccie, l’una dinnanzi e l’altra di dietro non gli era fatto da tergo questo scherno:
O Iane à tergo quem nulla ciconiam pinsit.
E pinsit significa percuotere, come anticamente prima che si trouasse l’uso de’ molini nelle pile col pistello i pistori pistauano il grano. Di questa cicogna e di come essa si formi scriue Suetonio ne lfine della uita di Caligula. E S. Girolamo scriuendo a Rustico a Monaco in una sua epistola gli dice; Non ascoltar gli adulatori, perché da poi chi ti haueranno lodato, nel partirsi da te, si subito respexeris ciconiarum deprebendes post te colla curuari.

Non ascoltar gli adulatori e guardati da loro. Ed il rital li avrebbe fatti tutti insieme questi gesti. One man standing in cerca di una standing ovation. Nel volo rallentato sulle pagine la frustrazione di non aver compiuto che una parte minima di questi gesti.
Il corpo che vorrebbe muoversi ad imitazione delle parole.
La frustrazione di non appartenere a quel cosmo culturale in cui il gesto si esprimeva nella potenza del significato.
Ma qualcosa resta trasversale nelle epoche.
Sembrava anglossassone ed invece è latino il gesto del dito medio. Quel gesto che tutti avrebbero fatto in un orgasmo di approvazione alla faccia del bellimbusto che campeggiava alla Defense 18 metri per 36. La faccia assecondata dalla curva di slip da uomo talmente enormi che ci si sarebbe potuto costruire una tendopoli di profughi.

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte I]

Puntava dritto a sud nella lunga curva della linea 6. Ammorbidiva la traiettoria verso ovest. Lunga curva sinuosa. Piazza Italia. Direzione Charles de Gaulle. Giacca nera. Velluto e bavero alzato. Rital di merda. Giacca nera, bavero alzato, mani in tasca. Mattina neragrigiocrema. Velo lieve sulle teste....

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte VI]

Additare col dito di mezzo Questo dito si dimanda medio, perché è posto nel mezo degli altri, & anco medico, perché i Medici l’adoperano à distendere gli unguenti, e anco impudico, perché distendendolo, & raccogliendo l’indice, e l’anellare...

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte IV]

Eppure dalla foschia seminutturna del freddo dell'esplanade al sotterraneo rez-de-jardin moquetterossapassofelpato una qualche differenza c'era. Nel golfo mistico delle logge. Chiuso nella scatola con la lettera Y. Appena in grado di percepire il defilare dei piedi lungo il corridoio. Lungo...

nel verde

Come spettri nell'alto bosco di pini. Le ombre si aggirano. E non sono amici. E non si riconoscono se non nei i passi, e in una forza arcana. Luce postatomica. Luce alta sopra l'alto delle cime. Verde oceano di chiarore. Sabbia e muschio. Come spettri si incontrano. Schiera silenziosa di dormienti....

Esercizio di memoria III. Fisica. Libri. [parte II]

Quai de la gare. E ci fa talmente freddo in quel momento, che il bavero alzato sembra troppo piccolo. Il vento è una lama tagliente che monta in direzione della station aérienne. Da questo métro non si emerge, si scende. Il vento è talmente forte che non fai neanche in tempo...

inverno invisibile [parte III]

Allo Zorba sarebbe impossibile tracciare anche lontanamente la rotta di una sola delle particelle nell'aria. Perché allo Zorba enormi transessuali muovono in vortici eleganti il gas sulle loro teste a due metri dal pavimento. Allo Zorba il fumo si propaga neroviolagiallo verso l'alto...

gelatina & fotoni: ancora arabi [parte II]

Hai solo fumo blu nella testa e nei polmoni. E questa sera in fondo non è neanche troppo dorata. Questa sera è mezza azzurra e mezza blu. Giustamente: come il fumo nella tua mente e la nebbia nelle tue ossa. La sera è blu e quasi fa freddo a pensarci. Che avresti quasi bisogno di un maglione. Ma...

diritto al cuore

Nel cono nero immobile - come - immobile Dans la ville et ses étudiantes Da evitare I suoi corvi da ascoltare Come allo Chaumont, sul colle Dei suicidi. State attenti, per favore Perché un poeta del male Il suo nero difficilmente sa cantare Senza esibirsi Dietro posa O pausa Faccio paura...