all’ovest, morire

scritto mercoledì 21 febbraio 2007 alle 09:55

diecimilioni.jpg

Dieci milioni di cuori
Fanno un battito assordante
Dieci milioni di cuori
Sotto una nebbia solare
postnucleare
Dieci milioni di cuori
Se battessero all'unisono
Sarebbe un orgasmo
Sonoro
Sarebbe lo scempio
La terra sarebbe
A cedere per prima
Ad orientarsi ancora
All'est
E all'ovest, morire

rispondi e commenta qui, oppure fai un trackback (!?) dal tuo sito.

lascia un commento

Altri articoli in Paris Mushrooms

la città senza gatti: chats perchés

Parigi. Il suo romanticismo. Chat Perchés, ultimo documentario per la televisione di Chris Marker è una storia sul tempo e sulla libertà. L'autore ripercorre due anni di vita sociale parigina partendo dalla misteriosa comparsa dei gattini gialli sui muri della capitale francese per fare la storia...

il ferro e il cemento di Roma [parte I]

Un recente articolo su Italia 2013 intitolato “Roma perde il treno” e firmato da Riccardo Pennisi, è simbolico per ricostruire certo ottuso atteggiamento della sinistra moderata italiana, convinta (Italia 2010) con ostinazione di star sempre dalla parte della ragione. La tesi, esposta per punti...

inverno invisibile [parte I]

In quel momento un grappolo di molecole rallentava il suo moto oscillatorio casuale. Anzi accelerava. Anzi si innalzava in colonna verso l'alto. Anzi. Pioveva come una tepesta solare fra le maglie di ghisa del radiatore ad olio e ne veniva immediatamente sparata via. Lontano come la palla di Joe...

gelatina & fotoni: ancora arabi [fine]

SENZA IMMAGINE Già. Perché capisco che ora, a questo punto della storia, quando intorno a me ci sono dieci persone e nessuno nella rue faubourg du temple che si ferma. Perché capisco che ora. Proprio ora. Devo togliere la pellicola amata dalla macchina fotografica. Lanciarla in terra. Perché...

consumi onirici

Ho comprato una macchina fotografica digitale in un monastero abruzzese. Da un monaco pazzo. Durante un matrimonio. Inizio a fotografare dal basso la sposa. Ma improvvisamente l'apparecchio è al di là della navata. E poi sparisce. L'alimentari sotto casa ha aperto un ristorante all'angolo. Fanno...

arresto del movimento

Comprare il biglietto per un concerto. Il desco di lavoro si popola di presenze magnetiche ed in movimento. Attrazioni fluorescenti. La pubblicià entra negli interstizi del lavoro, dell'amore, dell'amicizia. Internet. Contattare il mondo in un microsecondo. Attraversare i gangli che ci dividono dalla...

tutti uomini spam

Si dice da tempo che il futuro del Web sarà il mainstream. Il ritorno al terminale senza intelligenza. Una macchina poco più potente di un televisore che accede e modifica dati situati su altri server, che fanno il lavoro per lui. Elaboro un foglio di calcolo o un documento in linea, sulle macchine...

the white stripes allo zenith. fuga rock dall’indie

Breve e potente. Null'altro da dire per il concerto di white stripes che abbiamo visto allo Zenith di Parigi. Dalle parti del parco tecnologico della Villette la sera del 16 ottobre si sono riuniti migliaia di teenagers e qualche attempato, per seguire il duo campione di incassi nel 2003 con l'album...